Periferie e costa, Comune, Regione e Politecnico insieme per un nuovo volto di Bari

firma protocollo comune regione politecnico
La firma del protocollo d'intesa tra l'Assessore all'urbanistica Alfonso Pisicchio (Regione Puglia), il sindaco di Bari Antonio Decaro e Francesco Cupertino (Rettore del Politecnico)

Siglato il protocollo d’intesa tra Comune, Regione Puglia e Politecnico di Bari per progetti di studio su periferie e riqualificazione della città

Un’azione comune nel segno della rigenerazione urbana. E’ questo lo spirito che anima il protocollo d’intesa firmato giorni fa tra Comune di Bari, Regione Puglia e Politecnico di Bari, e che prevede l’avvio di una serie di attività di studio finalizzate alla conoscenza, al rinnovamento e alla valorizzazione delle periferie della città di Bari  e del territorio costiero della città metropolitana. Osservati speciali, i quartieri di edilizia residenziale pubblica e la cosiddetta edilizia “informale”.

Interesse comune e obiettivo del protocollo è mantenere e sviluppare forme di collaborazione in partnership, non episodiche, per lo svolgimento di attività di ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione, anche nell’ambito delle attività di didattica e formazione, nonché per l’erogazione di servizi a supporto delle attività di governo della città e del territorio. Sullo sfondo c’è la creazione di una serie di buone pratiche per la cura del territorio.

Le forme della collaborazione

Il protocollo fissa i termini della collaborazione. Verranno avviati degli studi con l’obiettivo anzitutto di individuare strategie di rinnovamento e valorizzazione delle periferie del capoluogo, guardando in particolare ai quartieri di edilizia residenziale pubblica (ai suoi spazi e al suo patrimonio abitativo) e ai frammenti di paesaggio naturale/agrario. Altri studi si concentreranno su come rinnovare e valorizzare le coste della città metropolitana, costellate da insediamenti informali e diffusi e spazi liberi in stato di abbandono. Infine verrà affrontato il tema dei “detrattori di bellezza” della città e dei suoi territori costieri: insediamenti residenziali e spazi degradati da rimuovere.

Bari-periferia-urbana700x500
Il protocollo permetterà di concretizzare strategie di rinnovamento e valorizzazione delle periferie del capoluogo

Spazio ai giovani e alla formazione

C’è un altro aspetto molto interessante dell’accordo, ed è il lavoro di innovazione e ricerca del personale tecnico e scientifico di Comune, Regione, Politecnico, da attuarsi attraverso uno scambio di conoscenze, scientifiche, competenze e professionalità. Insomma «quella Terza missione universitaria – ha commentato il sindaco di Bari Antonio Decaro – ossia quell’insieme di attività attraverso le quali gli atenei interagiscono direttamente con la società e il proprio territorio di riferimento, sia attraverso azioni di valorizzazione economica della conoscenza che più in generale attraverso attività ed eventi di ordine culturale, sociale e di divulgazione della didattica».

Palazzo di città non è nuovo a forme di collaborazione col Politecnico. In questo caso si tratterà di avviare per gli studenti del Politecnico un percorso di tirocinio formativo nei settori affini ai rispettivi percorsi di studio: gli studenti potranno così toccare con mano, esaminando la situazione delle periferie e delle coste, i problemi di una realtà urbana quotidianamente alle prese con la normativa e la burocrazia.

I detrattori di bellezza

Un aspetto particolare del protocollo riguarda i cosiddetti “detrattori di bellezza”. Gli studi serviranno proprio a individuare in maniera definitiva quei fenomeni che purtroppo continuano ad esistere nelle zone più degradate delle nostre città «e che vanno rimossi  – a parlare è l’assessore regionale all’Urbanistica Alfonso Pisicchio – a beneficio della qualità del vivere, secondo un approccio che tenga insieme l’aspetto fisico, l’anima e la funzione stessa dei luoghi».

Il Politecnico

Il Politecnico di Bari è il più giovane d’Italia ma è anche uno tra i più impegnati nella ricerca così come nella collaborazione con le aziende e tra i più apprezzati per i risultati raggiunti dagli studenti, tanto da essere considerato tra le strutture italiane d’eccellenza. Per il rettore Francesco Cupertino la parola d’ordine per affrontare questa collaborazione con Comune e regione è “Bellezza” e gli “strumenti” per diffonderla sono gli studenti. «Il Politecnico di Bari  – ha detto – ha un rifornimento continuo di questa energia, che è la bellezza, che ci arriva innanzitutto attraverso i nostri studenti. Con questo accordo la mettiamo a disposizione della città, il cui presente e il cui futuro abbiamo a cuore, così come la città ha a cuore il Politecnico».

Articoli correlati