Input your search keywords and press Enter.

Goutte de Terre: una galleria d’arte che ama l’ambiente

Passeggiando a Parigi tra i vicoli dell’XI° arrondissement, nel cuore di uno dei quartieri più animati della capitale parigina, tra un negozio di riparazione di bici ed un bistrot ebraico ci si imbatte in una galleria d’arte insolita, che richiama l’attenzione per la sua installazione ispirata alla natura. E’ la galleria Goutte de Terre, un progetto associativo promosso dal suo giovane fondatore, Raphael Schaltegger, amante appassionato della natura, viaggiatore (ha vissuto 12 anni vagabondando tra Polinesia, America Centrale e del Sud) nonché polistrumentista virtuoso – suona chitarra e costruisce percussioni-.

Raphael ha avuto la geniale idea di trasformare tutte le sue passioni in un lavoro, unendo il business dell’arte all’attivismo a favore dell’ambiente. Nel 2009 decide di iniziare un altro viaggio, aprendo uno spazio fisico ma al tempo stesso nomade, per accogliere e promuovere talenti e creatori contemporanei. E così racconta in breve ad Ambiente&Ambienti la sua idea.

Uno scorcio della galleria Goutte de Terre

Cosa ti ha spinto a dare vita a questo progetto originale?

«L’idea di un progetto artistico e ecologico nasce durante i miei viaggi. Creavo installazioni effimere di pitture, realizzate con una mescolanza di pigmenti naturali e terre rosse dipinte su cotone, raffiguranti delle gocce, presto divenute la mia identità artistica. Nel corso dei miei viaggi, diversi incontri e luoghi visitati hanno acuito la mia consapevolezza della meravigliosa ricchezza del pianeta, troppo spesso dimenticata, poco rispettata e sfruttata in modo iniquo. Nel mio piccolo cercavo già di sostenere con doni le associazioni ambientaliste. Chi ama l’arte non può restare insensibile alla natura: per questo ho pensato di investire le mie conoscenze in un progetto utile a sensibilizzare il pubblico del mercato artistico sulle tematiche della terra e dell’acqua».

Da dove nasce il nome Goutte de Terre?

«Goutte de Terre in francese significa goccia di terra, espressione che simbolizza l’identità artistica, l’idea dei due elementi vitali che hanno dato forma al progetto associativo. Lo slogan della galleria è “Una goccia di Terra per una goccia d’acqua”. Infatti dal soffitto cadono sospese delle gocce di terracotta, collezione in progress di opere create da ceramisti contemporanei. La mia ambizione è di portare ovunque la collezione di Gocce di Terra per diffondere un messaggio ecologico di rispetto, bellezza, consapevolezza».

Puoi citarci alcuni artisti ed associazioni particolarmente rappresentativi di questo progetto?

“In questo spazio confluiscono artisti francesi e internazionali impegnati e diffondere opere che veicolano i valori della bellezza del pianeta e l’attenzione per le sue risorse, con particolare attenzione all’acqua. La galleria ne promuove la diffusione e li orienta verso un linguaggio etico a favore dell’ambiente. Inoltre, Goutte de Terre diventa sempre più uno spazio pluridisciplinare, in cui si realizzano creazioni in ceramica, vernissage, performance acustiche di artisti internazionali impegnati, per citarne alcuni: Tritha, Leila Garfield, Nassim el Amin, Christofer Cook, Fabio Nascimento, Kuku, Iré, Gasandji».

Particolare della collezione Goutte de Terre. Creazione di Gabrielle Baëcile

Come si impegna Goutte de Terre a favore dell’ambiente?

«Una parte del ricavato raccolto dall’associazione, attraverso la vendita di opere, serve a sostenere sia gli artisti residenti che una rete di associazioni che operano per il miglioramento all’accesso all’acqua potabile nel mondo e, in generale, per cause ecologiche. Tra queste: Solidarité, Kynarou, Cultures en Herbe».

Acquistando una creazione degli artisti rappresentati dalla galleria, si diventa quindi doppiamente mecenati, a favore dell’arte ed anche dell’ambiente: si agisce cioè per la diffusione di un’opera d’arte innovativa, contemporanea per i valori artistici di cui è espressione, ma anche etica, per essere simbolo e veicolo di un messaggio attorno ai temi dell’ambiente.

E’ proprio il caso di dire che la bellezza salverà il mondo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *