Input your search keywords and press Enter.

Puglia in Cantina

Filari di viti in agro di San Severo (Fg)

«Cinquantatré Gran Menzioni e tre medaglie conseguite al prestigioso Concorso enologico internazionale di Vinitaly dalle etichette pugliesi sono l’ulteriore conferma di un percorso inarrestabile di crescita del nostro vitivinicolo». Ha senz’altro un buon sapore il riconoscimento mosso alle aziende vitivinicole pugliesi dall’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia Dario Stefàno. Come un buon sapore ha il nettare che sgorga dalle migliori vigne della regione.

In un viaggio ideale lungo il tacco d’Italia, a braccetto con Bacco, si può partire da San Severo (Fg), importante centro della tradizione vinicola del territorio nonché grembo della prima DOC pugliese. Da visitare il suggestivo centro storico in città mentre, nei dintorni, si distingue un paesaggio costellato di oliveti, masserie e vigneti. Qui la fanno da padrone le uve a bacca rossa, in particolare Montepulciano, Sangiovese e Nero di Troia. Quest’ultimo caratterizza le altre due doc del territorio: Orta Nova e Rosso di Cerignola, entrambi vini di grande intensità e struttura.

Scendendo verso Canosa di Puglia (BAT) si arriva nel territorio dell’Alta Murgia, tra i più antichi distretti vinicoli della Puglia e che ospita ancora alcune delle più belle cantine della regione. Sarà possibile degustare in zona i corposi Rosso Canosa Doc e Castel del Monte Doc mentre, scendendo verso Trani si incontrerà il gusto delicato del Moscato Reale.

Scorcio di Gravina di Puglia (Ba), "terra dei bianchi"

Da Gravina in Puglia (BA) si snoda il percorso tra le terre dei bianchi di Puglia: dal territorio del Gravina Doc ai vigneti della Valle d’Itria delle Doc Locorotondo e Martina Franca. Tra le diverse varietà si segnalano: Greco, Malvasia bianca, Verdeca, Bianco di Alessano e Fiano. Affacciandoci sul versante ionico della regione si incontra il Primitivo, tra i vitigni che danno più lustro all’enologia pugliese. Una varietà isolata per la prima volta a Gioia del Colle, verso la fine del ‘700, che porterà al celebre Primitivo di Manduria, rosso Doc forte e robusto.

In marcia verso Ostuni (BR), la “Città Bianca”, si vanno a conoscere i due vitigni autoctoni Ottavianello e Sussumaniello, che si dividono lo scettro della vitivinicoltura locale con il Negroamaro e la Malvasia di Brindisi da cui nascono rispettivamente le Doc Brindisi, Salice Salentino e Squinzano. Ancora più a sud – verso Leverano, Nardò e Galatina – è possibile assaporare i rosati, vini dai colori brillanti, ormai distintivi della tipicità enologica del Salento.

Un crocevia di sapori che si dà appuntamento venerdì 23 e sabato 24 novembre prossimi a Bisceglie per “Calici nel Borgo Antico”. Venticinque palazzi signorili, oltre cinquanta cantine e il contorno di un suggestivo centro storico per la quarta edizione dell’evento dedicato all’enogastronomia pugliese. Le aziende vitivinicole arriveranno da ogni parte della regione per presentare bianchi, rossi, rosati, vini dolci o liquorosi, vini novelli e spumanti.

Logo della manifestazione, in programma l'11 dicembre prossimo

Ancora eventi dedicati al vino nel barese. Il META, Mercato della Terra e delle Arti, presenta “Vino&Briganti”, il 24 novembre a Sammichele di Bari. In programma: analisi sensoriale di vini autoctoni, degustazione di prodotti tipici ma anche tour narrati con intermezzi teatrali e d esposizione di costumi secenteschi artigianali. Si terrà, invece martedì 27 novembre presso il Castello Normanno Svevo di Sannicandro di Bari, la quarta edizione di Radici Wines Experience, con interventi di esperti in campo enogastronomico e uno showcooking d’eccezione.

Infine, doppio appuntamento con “Natale in Cantina” e “LoVolio Extravergine”, per l’11 dicembre p. v. Gli eventi, organizzati dal Movimento Turismo del Vino Puglia in collaborazione con l’Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia, porteranno cantine e frantoi ad aprire i battenti fin dalle ore 10.00. Un’occasione imperdibile per scoprire le aziende e incontrare i produttori, assaggiare e acquistare i vini e gli oli extravergine di produzione direttamente nei luoghi in cui nascono. Le aziende visitabili nel corso della giornata sono sette, di cui quattro frantoi – Galantino e Di Molfetta Pantaleo di Bisceglie (BAT), Caroli di Martina Franca (TA), Paglione di Lucera (FG) – e tre cantine – Vignuolo di Andria (BAT), Mottura di Tuglie (LE), Menhir di Minervino di Lecce (LE). E allora: cin cin!

(Fonte: Movimento Turismo del Vino Puglia)

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *