Bracconaggio ed abusivismo edilizio in Salento. Intervengono forestali

Lotta al bracconaggio ed all’abusivismo edilizio. Il Corpo Forestale dello Stato è stato impegnato in due distinte operazioni nel territorio salentino.

I forestali di Lecce hanno denunciato tre persone e sequestrato cartucce, selvaggina e richiami acustici a funzionamento elettromagnetico, riproducenti il verso del tordo bottaccio. In particolare, sono stati denunciati un uomo 36enne di Carmiano, sorpreso in agro del Comune di Arnesano ad abbattere un esemplare di tortora dal collare, facente parte di avifauna protetta; un uomo 70enne di Copertino che esercitava l’attività venatoria con l’ausilio di un richiamo in località Quaranta Orte agro di Copertino; un 38enne di Lecce intento ad esercitare l’attività venatoria con l’ausilio di un richiamo elettromagnetico azionabile a distanza per mezzo di un telecomando, sorpreso a Copertino, ma in località Mollone. Infine, sono stati sequestrati diversi richiami disseminati sui terreni ed azionati per mezzo di timer.

Gli agenti del Corpo forestale di Tricase, invece, hanno denunciato quattro persone per abusivismo edilizio e provveduto al sequestro di cinque manufatti. I fabbricati sorgono a Supersano – località Schillanti, in zona assoggettata alla normativa del PUTT Paesaggio. Denunciato il proprietario dei manufatti nonché titolare della ditta esecutrice di 57 anni di Supersano ed il direttore dei lavori di Supersano di 60 anni.

Sempre su esposto anonimo, i forestali di Tricase, a seguito di sopralluogo, hanno constatato la realizzazione, sempre in agro di Supersano in zona assoggetta alla normativa P.U.T.T., di una costruzione ultimata ma eseguita in assenza di permesso di costruire. L’immobile si sviluppa su due piani, piano terra e primo piano, di circa 140 mq ognuno. Denunciati i due proprietari del manufatto di Supersano, rispettivamente di 57 e 55 anni.

 

Articoli correlati