Input your search keywords and press Enter.

Pianificazione paesaggistica: a che punto siamo in Puglia?

In Puglia il Codice dei beni culturali e del paesaggio (d.lgs. 22 gennaio 2004, n.42) e le modifiche a esso apportate dal d.lgs. 26 marzo 2008 n. 63 sono stati recepiti dalla legge regionale 7 ottobre 2009, n. 20“Norme per la pianificazione paesaggistica”.

Un bell'esempio di campo coltivato in agro di Conversano (Foto Antonello Fiore)

Con questa legge sono state definite le norme e le procedure che regolano la pianificazione paesaggistica, disciplinano i requisiti necessari per il procedimento di delega (al fine del rilascio delle autorizzazioni paesaggistiche ai sensi dell’art. 146 del Codice dei beni culturali e del paesaggio) e definiscono le disposizioni per l’istituzione delle Commissioni locali per il paesaggio ai sensi dell’art.148 dello stesso Codice. La stessa legge regionale, vista la complessità della materia, ha subito negli anni delle modifiche e integrazioni.

Nei due anni di applicazione del nuovo regime di autorizzazioni in Puglia sono stati  delegati circa 150 enti locali: 42 Comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti hanno avuto deleghe singole, 120 Comuni si sono associati a formare 33 Commissioni del paesaggio congiunte, la Provincia di Foggia, dal 1° gennaio 2011, è stata delegata per 39 Comuni. L’applicazione della legge ha messo in luce alcune difficoltà procedurali cui si è cercato di rimediare con la Legge Regionale n. 28 del 22 ottobre 2012, “Norme di semplificazione e coordinamento amministrativo in materia paesaggistica”.

Lo scempio paesaggistico della Muraglia a Bari (foto Antonello Fiore)

Il quadro normativo in tema di autorizzazioni paesaggistiche regionale doveva essere aggiornato anche in virtù del D.P.R. 09/07/2010 n. 139 (Regolamento recante procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica per gli interventi di lieve entità), che disciplina il procedimento di autorizzazione paesaggistica per gli interventi di lieve entità.

Il legislatore regionale ha voluto introdurre esplicitamente l’esercizio dei poteri sostitutivi prevedendo che, decorso inutilmente il termine entro il quale l’amministrazione delegata al rilascio dell’autorizzazione paesaggistica è tenuta a emettere i provvedimenti di propria competenza, l’interessato può richiedere l’esercizio dei poteri sostitutivi alla Regione; questa vi provvede entro sessanta giorni dalla data di ricevimento della richiesta, anche nominando un commissario ad acta.

Con la recente disposizione la Giunta regionale dà maggiori responsabilità agli Enti locali

Il dispositivo di legge non mette più vincoli al “quando” la Giunta regionale può attribuire la delega, sempre dopo aver compiuto la ricognizione dei Comuni singoli e delle associazioni di Comuni in possesso dei requisiti di organizzazione e competenza tecnico-scientifica e che abbiano istituito la Commissione locale per il paesaggio,.

Con la l.r. n. 28/2012 è sancito che gli interventi di lieve entità soggetti ad autorizzazione paesaggistica semplificata (elenco, specificato nel D.P.R. 09/07/2010 n. 139) sono delegati ai Comuni e per essi non vige l’obbligatorietà del parere delle Commissioni locali per il paesaggio: ciò conferma la netta distinzione tra uffici che si occupano di tutela del paesaggio e quelli che svolgono l’esercizio di funzioni in materia urbanistico – edilizia.

Infine la norma prevede che qualora il Piano urbanistico esecutivo (Pue) riguardi aree sulle quali insistono vincoli specifici rivenienti da norme e/o piani regionali o nazionali, il Sindaco (o l’Assessore da lui delegato) indice una Conferenza di servizi alla quale partecipano rappresentanti delle amministrazioni competenti per l’emanazione dei necessari atti di consenso.

E’ una norma, questa, che poco aggiunge alle disposizioni nazionali ma che dovrebbe invogliare le amministrazioni delegate al rilascio delle autorizzazioni paesaggistiche a rispettare i tempi d’istruttoria per il rilascio dei pareri.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *