Input your search keywords and press Enter.

DissestoItalia – Salviamo il Territorio

CIPE, ministero dell’Ambiente e Regione Puglia hanno finanziato 91 interventi di prevenzione del rischio idrogeologico, per una cifra di 195 milioni di euro. Di questi interventi, ne sono stati avviati o ultimati meno del 20%. Il dato è emerso durante la presentazione a Roma di DissestoItalia – Salviamo il Territorio.

Il rapporto dell’ANCE, l’Associazione Nazionale dei Costruttori Edili, ha evidenziato la scarsità di risorse per la riduzione del rischio idrogeologico e la cronica lentezza in quasi tutto il Paese nello spendere le risorse autorizzate (su 2,1 miliardi di euro stanziati oltre quattro anni fa devono essere ancora avviati lavori per 1,6 miliardi di euro, pari al 78% delle risorse). Le cause: l’incertezza relativa alla disponibilità delle risorse, la lentezza nella loro erogazione e l’assenza di un’efficace regia statale.

Nicola Delle Donne, presidente ANCE Puglia (foto): «Il rischio idrogeologico accomuna la Puglia a tutte le altre Regioni italiane che convivono con l’incubo di disastri causati da eventi naturali purtroppo sempre più frequenti. La lentezza con la quale si stanno spendendo quelle poche risorse stanziate per arginare questi rischi è incomprensibile, alla luce anche delle tante imprese che falliscono per mancanza di lavoro. È necessario velocizzare la spesa di oltre 150 milioni di euro stanziati e autorizzati per lavori che riguardano la nostra Regione e prevedere nuove risorse per la riduzione del rischio idrogeologico utilizzando i fondi europei e il fondo sviluppo e coesione del 2014-2020».

ANCE chiede, ancora una volta, di svincolare dal Patto di stabilità gli interventi di difesa del territorio. Sono inoltre quanto mai necessari una regia centrale del Governo per verificare il tempestivo utilizzo dei fondi da parte degli enti finanziati, un sistema di gare trasparenti e veloci e, su tutto, tempi rapidi e certi per l’utilizzo delle risorse.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *