Input your search keywords and press Enter.

Clima: un sistema ci dice cosa sta cambiando

Un nuovo modello a scala globale permetterà di studiare l’evoluzione del clima nei prossimi decenni e prevederne gli impatti sull’ambiente e sulla società. Si chiama Ec-Earth ed è sviluppato da un consorzio europeo di università ed enti di ricerca, tra cui l’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche (Isac-Cnr). Ec-Earth, coordinato dall’Istituto meteorologico olandese (Knmi), riunisce i più recenti modelli in grado di rappresentare i complessi meccanismi che governano l’atmosfera, l’oceano, il ghiaccio e la biosfera. Di recente i ricercatori Isac-Cnr afferenti al progetto hanno portato a termine una prima simulazione dell’andamento climatico su tutta la Terra dal 1850 al 2009.

«La simulazione – spiegano i ricercatori in una nota – ha confermato l’aumento di quasi un grado della temperatura globale della superficie della Terra avvenuto negli ultimi 150 anni». Ad aumentare anche la temperatura media dell’acqua oceanica mentre si registra un ritiro per i ghiacci marini artici, passati dagli oltre 8 milioni di km quadrati del 1950 ai circa 5 milioni del 2005. E le proiezioni per i prossimi decenni sono tutt’altro che incoraggianti: è infatti prevista un’ulteriore diminuzione. Particolarmente importante risulta perciò Ec-Earth, strumento il cui utilizzo permetterà di iniziare anche in Italia le attività di ‘climate services raccomandate dall’Organizzazione meteorologica mondiale (Wmo) e necessarie per un’efficace programmazione delle misure di adattamento ai cambiamenti climatici.

Print Friendly, PDF & Email