Viaggio in Italia per scoprire le sue bellezze

“Disegnando l’Italia” , un cammino per valorizzare l’Italia e sensibilizzare al rispetto per l’ambiente. A farlo è il giovane Nazario Nesta. Tra gli obiettivi , la realizzazione del “Progetto Moldavia”

Lo avevamo lasciato che stava per affrontare il suo viaggio lungo l’Italia, con l’intento di scoprire le bellezze naturalistiche del belpaese e lanciare un messaggio fatto di attenzione e rispetto per l’ambiente.E quel viaggio non è si è certo fermato, anzi.

Nazario Nesta, 28 anni, alias The Lone Wolf, partito il 19 Maggio 2019 da San Nicandro Garganico con uno zaino di oltre 20kg in spalla e senza soldi in tasca, continua infatti il suo viaggio, che prevede di percorrere il perimetro estremo italiano (più di 9000 km) completamente a piedi.

Un progetto basato sulla fede, intento a conoscere e a far conoscere la propria testimonianza, che prende il nome di “Disegnando l’Italia”, un disegno alternativo, creato giorno dopo giorno, passo dopo passo, affrontando ogni genere di percorso: che sia su spiaggia, strapiombi o montagna, lui continua senza soste nè ripensamenti il  suo viaggio il più possibile vicino al confine italiano.

LEGGI ANCHE: Nazario Nesta: ottomila km a piedi per scoprire l’Italia

Un cammino mai realizzato prima

La tabella di marcia prevedeva inizialmente 8mila km in totale, da effettuare (salvo imprevisti) con tappe giornaliere di 30 km; tempo stimato per portare a termine l’impresa tra i 12 e i 18 mesi. Sono passati ormai quasi 8 mesi dal giorno della partenza e Nazario Nesta ha battuto i suoi propositi, visto che ha quasi raggiunto i 7mila km percorsi, toccando 10 regioni italiane (Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Campania, Lazio, Sardegna, Toscana, Liguria e Piemonte ), con una media di 40 km al giorno, arrivando anche a sfiorare tappe di 60 km.

Nel suo zaino ha tutto il necessario: tenda, sacco a pelo, cucinino, vestiti per cambiarsi e prodotti per l’igiene personale. Non mancano power bank e pannello solare che gli permettono di avere sempre energia a disposizione per tenere carico il suo cellulare, con il quale sta realizzando un vero e proprio diario di bordo attraverso video elaborati che pubblica sul suo canale YouTube e resta in contatto con le persone sui social Instagram e Facebook. Un cammino mai realizzato prima, che diventerà a fine progetto uno dei più lunghi e difficili mai fatti in Italia.

 

 

Il Progetto Moldavia e il viaggio in Italia

Cosa spinge Nazario ad intraprendere una simile impresa? Le motivazioni sono diverse:alcune personali che verranno raccolte a fine viaggio in un libro, altre mirate ad una sua crescita personale e spirituale. La principale è però di valorizzare le bellezze del nostro territorio e le persone che lo abitano. Protagonisti del progetto, infatti, sono tutti gli italiani che, grazie a donazioni e ospitalità, danno il loro contributo all’iniziativa di Nazario,  rendendo possibile tutto questo.

Un altro progetto che Nazario ha aggregato al suo cammino è il “progetto Moldavia”. Infatti, tutto il ricavato delle donazioni non utilizzato verrà devoluto in beneficenza per aiuti umanitari in Moldavia: a documentare il tutto saranno i  video che verranno resi pubblici tramite video reperibili sui social.

Adesso Nazario Nesta è pronto per avviarsi verso le montagne, dove affronterà nuove e difficili avventure, con la speranza di concludere il percorso verso fine maggio 2020.

 

Articoli correlati