Tutti in classe A: gli edifici italiani ai raggi X

L’indagine di Legambiente Tutti in classe A, sulla qualità del patrimonio edilizio italiano, ha analizzato le prestazioni energetiche di 500 edifici in 47 città italiane

L’indagine di Legambiente Tutti in classe A, sulla qualità del patrimonio edilizio italiano, ha analizzato le prestazioni energetiche di 500 edifici in 47 città italiane. Un team di esperti ha fotografato con un’apparecchiatura termografica la situazione termica degli edifici, evidenziando come una riqualificazione energetica ben fatta possa permettere di realizzare risultati significativi di riduzione dei consumi energetici. L’analisi termografica ha riguardato edifici residenziali, scuole e uffici costruiti nel dopoguerra e altri più recenti. Sono state verificate anche le prestazioni di quelli già certificati di Classe A e di quelli ristrutturati e di alcuni edifici costruiti dopo il 2000, ossia dopo l’adozione delle direttive europee in materia di risparmio energetico e isolamento.

I risultati – Su gran parte di questi immobili i problemi sono evidenti. Da Milano a Bari si ravvisano problemi di elementi disperdenti, con distribuzione delle temperature superficiali estremamente eterogenee, spesso anche per edifici che si promuovono come biocase a basso consumo energetico. Che in Classe A si viva meglio lo dimostrano invece le termografie di edifici ben progettati, costruiti e certificati. La scelta di sfruttare al meglio l’esposizione dell’edificio e l’uso di specifici materiali per le diverse facciate, minimizza i consumi energetici con un risparmio fino a 2mila euro/anno. Attenzioni e benefici che non ritroviamo, purtroppo, nemmeno in edifici progettati da architetti di fama internazionale e di recente costruzione, come mostrano edifici costruiti a Milano, Roma e Alessandria da Fuksas, Krier e Portoghesi, dove l’analisi a infrarossi ha dato risultati deludenti.

La normativa nazionale – In questo rapporto si segnalano anche i problemi della normativa nazionale e l’inadeguato quadro di regole nelle diverse regioni in particolare per quanto riguarda controlli e sanzioni.

Nella pagella delle regioni, 1 -4 promosse; 5 -8 promosse ma con lacune normative; 9 – 10 bocciate per lacune normative; 11 -21 bocciate per assenza di normativa in materia

Affinché si avvii una stagione di cambiamento e di innovazione profonda delle città italiane per migliorarne la qualità e la vivibilità, occorre, secondo Legambiente, introdurre regole omogenee in tutta Italia per le prestazioni in edilizia e controlli indipendenti su tutti gli edifici con sanzioni vere per chi non rispetta le regole. Altrettanto indispensabile è dare certezza rispetto alla sicurezza antisismica degli edifici stabilendo l’obbligo di dotarsi di un libretto antisismico per tutti gli edifici esistenti. «In 13 regioni – ha dichiarato il vice presidente di Legambiente Edoardo Zanchini – non esiste alcun tipo di controllo sui certificati di prestazione energetica degli edifici e così si calpestano i diritti dei cittadini che dovrebbero essere correttamente informati sulle prestazioni energetiche e sulla sicurezza delle loro abitazioni».

Per migliorare le prestazioni energetiche Legambiente propone, tra le altre cose lo standard minimo obbligatorio di Classe A su tutto il territorio nazionale

Cosa fare? –  Per migliorare le prestazioni energetiche è necessario stabilire per i nuovi edifici e per le ristrutturazioni edilizie lo standard minimo obbligatorio di Classe A su tutto il territorio nazionale; va premiato, nelle ristrutturazioni edilizie, il miglioramento della classe energetica di appartenenza, e per facilitare questo processo occorre rendere permanenti le detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica (50-65%) e allargando gli incentivi per gli interventi di consolidamento antisismico. Occorre introdurre un fondo nazionale di finanziamento e di garanzia per gli interventi di riqualificazione energetica di edifici pubblici e privati per realizzare misure di miglioramento dell’efficienza e di sicurezza antisismica.

 

 

Articoli correlati