Rifiuti organici fuori regione, arrivano i fondi per i Comuni

Anna Grazia Maraschio

L’assessore Maraschio: “criterio di premialità che favorirà i Comuni più virtuosi”

 

Approvata ieri in Giunta regionale la delibera proposta dall’assessore all’Ambiente Anna Grazia Maraschio che assegna un finanziamento di 3,8 milioni di euro ai Comuni pugliesi per sostenere i costi del conferimento della FORSU (Frazione Organica del Rifiuto Solido Urbano) in impianti di recupero extraregionali.

Il finanziamento si svilupperà nel rispetto del “Regolamento di gestione del Fondo d’ambito di incentivazione alla prevenzione e riduzione dei rifiuti” approvato da Ager, con il cui comitato dei delegati l’Assessorato all’Ambiente ha avuto una costante e proficua collaborazione.

«Nelle operazioni di recupero dei rifiuti organici – ha dichiarato l’assessore Maraschio – le difficoltà di carattere logistico generano spesso costi aggiuntivi per le Amministrazioni comunali, costrette a conferire la FORSU anche fuori dai confini regionali. La distribuzione dei fondi sarà basata su un criterio di premialità, che consentirà di favorire in proporzione i Comuni più virtuosi nella raccolta differenziata. Inoltre, la Regione Puglia sta procedendo nel percorso di realizzazione degli impianti di recupero FORSU programmati e, nell’ambito dei lavori di aggiornamento del Piano dei Rifiuti, prevede un ulteriore potenziamento dell’impiantistica pubblica. Questo ci consentirà di scongiurare situazioni emergenziali in caso di manutenzione straordinaria, guasto o malfunzionamento di un impianto rendendo il sistema di gestione della FORSU più resiliente ed efficiente. Il nuovo Piano dei Rifiuti – ha concluso l’assessore all’Ambiente – rimane per noi un obiettivo cruciale: un passo fondamentale per essere più indipendenti, per risparmiare sui costi in eccesso, per favorire fattivamente quelle politiche di sostenibilità alle quali ci stiamo ispirando».

Articoli correlati