Input your search keywords and press Enter.

Puglia in movimento: l’imprenditoria giovane guarda all’ambiente

Puglia in movimento s.r.l. è la società nata nel 2008 in seno all’aggiudicazione del bando di concorso Principi Attivi, voluto dalla Regione Puglia per finanziare l’imprenditoria giovane dalle idee innovative e di sostegno al territorio. L’avventura di questa nuova società prende il via con un piano tutto dedicato a promuovere la mobilità sostenibile. Infatti, a partire dal 2009, Puglia in movimento si costituisce formalmente per dedicarsi alla commercializzazione di biciclette elettriche a pedalata assistita.

Il logo di "Puglia in movimento s.r.l."

Una realtà inedita nella regione, che cresce pian piano grazie al supporto del web. Corre sulla rete la vendita dei prodotti selazionati dall’azienda, anche con il fine di evitare che i costi di una sede commerciale andassero ad incidere sul primo bilancio iniziale. Al commercio delle due ruote elettrificate si affianca quella dei kit fai da te, che permettono al provetto ciclista di trasformare la propria bicicletta tradizionale in una elettrica arrivando così a dimezzare la spesa complessiva.

Parliamo volutamente di provetto ciclista poiché chi guarda alla bicicletta elettrica come ad un vero e proprio mezzo di locomozione è sempre la stessa persona che abitualmente opta per le due ruote in città. «Chi usa l’auto per fare un chilometro continuerà a mantenere questo comportamento con o senza la bicicletta elettrica – conferma Adriano Lapedota, oggi titolare unico dell’azienda -. Per questo non basta promuovere soltanto il mezzo elettrificato a due ruote ma guardare allo sviluppo di altri veicoli elettrici: dai motorini alle auto. Tuttavia, in questi casi, si ha bisogno di tutta una serie di infrastrutture (come le colonnine di ricarica) che sono ad oggi presenti in minima parte nelle città italiane. Ma soprattutto resta da cambiare la mentalità, l’educazione del cittadino verso la mobilità».

Bicicletta elettrica a pedalata assistita (PAS) con batteria al litio in vendita dall'azienda

Cercando di contribuire ad affermare quest’ottica e di ingranare la giusta marcia nel settore, Puglia in movimento decide di concedersi nuova linfa e accogliere un’altre sfida: realizzare impianti fotovoltaici, partendo dal preventivo per arrivare alla progettazione e al completamento dell’opera. I due filoni commerciali dell’azienda sono andati poi integrandosi, ad esempio con iniziative promozionali specifiche: all’acquisto dell’impianto si è scelto di “regalare” una bicicletta elettrica in luogo del classico sconto.

La decisione di buttarsi nel fotovoltaico non nasce però solo da una scelta di marketing strategica – verso un settore che nel corso degli ultimi anni ha subito un vero boom – ma anche dall’esigenza di far venir fuori le proprie competenze pregresse. L’attuale titolare, infatti, aveva già lavorato nel settore in qualità di perito elettronico ma era stato costretto ad “emigrare” in Lombardia per trovare il proprio sbocco occupazionale. Fino al bando di Principi Attivi che gli ha consentito di far ritorno in terra natìa e dar lustro alla propria regione.

Il fotovoltaico: una delle attività a cui si dedica "Puglia in movimento"

Oggi, nonostante le non poche difficoltà registrate – per via della congiuntura economica ma anche del cosidetto “Decreto Romani”, che ha portato una ventata di incertezza nel mondo dorato delle energie alternative secondo la maggioranza degli operatori nel settore  – si guarda avanti. E le idee giovani non si fermano: «In futuro – conclude Lapedota – confidiamo nella possibilità di dedicarci allo sviluppo completo delle rinnovabili, da affiancare alla questione della mobilità: dunque non solo fotovoltaico ma anche termico, solare termico, eolico, biomasse». Ad maiora!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *