Input your search keywords and press Enter.

Italiani: “Sì all’acqua di casa mia”

Italiani in partenza per le vacanze alle prese con gli aumenti di benzina, hotel, ristoranti, traghetti. Si stima un rincaro medio di 90 euro a persona, ovvero circa 360 euro a famiglia. Tra le voci di spesa che è possibile tagliare – strano ma vero – compare l’acqua. Ebbene sì: la fonte primaria per il nostro sostentamento può davvero costare pochissimo. Scegliendo l’acqua del rubinetto, infatti, è possibile risparmiare da 300 a 1000 volte rispetto all’acqua in bottiglia. Gli italiani, inoltre, dimostrano meno remore nello scegliere l’acqua “di casa”. Da un recente studio di Aqua Italia, incentrato sulla propensione a bere acqua potabile del rubinetto, è emerso che 3 persone su 4 bevono solitamente acqua del rubinetto trattata e non. La ricerca è stata svolta su un panel di 2050 individui dai 18 anni in su rappresentativi dell’intera popolazione italiana. In particolare le nuove generazioni dimostrano di essere sempre più consapevoli delle potenzialità dell’acqua del territorio, con un notevole risparmio economico e un minor impatto ambientale rispetto all’acqua in bottiglia, su cui gravano il trasporto e le operazioni di stoccaggio.

Print Friendly, PDF & Email