Economia circolare, più fondi da Bruxelles

La sede del Parlamento europeo a Bruxelles

Approvato all’unanimità il parere presentato dalla Presidente del Consiglio regionale Loredana Capone: “Città e regioni europee chiedono coinvolgimento e più risorse per la transizione verso un’economia circolare”

 

Impiegare risorse finanziarie ambiziose per la transizione verso un’economia circolare. È la richiesta dei leader locali e regionali ai nuovi membri del Parlamento europeo e ai futuri commissari europei e ai governi nazionali.

Loredana Capone

Un facile accesso ai fondi e criteri obbligatori per gli appalti pubblici circolari sono tra gli strumenti che, se attuati a livello territoriale, potrebbero consentire all’Unione Europea di ridurre l’uso delle risorse sul proprio suolo e di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050.  Le raccomandazioni sono contenute in un parere elaborato dalla Presidente del Consiglio regionale pugliese, Loredana Capone, su richiesta della Presidenza belga del Consiglio dell’UE, che è stato adottato all’unanimità oggi 20 giugno dalla plenaria del Comitato europeo delle regioni (CdR).

Nel 2021, il consumo di materiali in UE è stato di 14,1 tonnellate pro capite, un valore superiore del 40- 70% a quello ritenuto necessario per rimanere entro i limiti di sostenibilità del pianeta. E negli ultimi 20 anni i consumi sono aumentati del 26%. C’è quindi ancora molto da fare per raggiungere gli obiettivi del Green Deal europeo le cui politiche sono attuate per la maggior parte a livello locale e regionale. Di conseguenza, una transizione equa e inclusiva verso un’economia circolare non può essere raggiunta se città e regioni non sono messe nelle condizioni di realizzare questa trasformazione storica nei propri territori.

Serve mobilitare risorse a sostegno dell’economia circolare. Nell’ambito dell’attuale bilancio dell’Unione Europea 2021-27, il 30% delle risorse è stato destinato ad azioni legate al Green Deal. Inoltre, il 37% del dispositivo per la ripresa e la resilienza (RRF) dell’UE per il periodo post-pandemia – che ha un valore di quasi 650 miliardi di euro – sarà speso per misure “verdi”.

Comitato europeo delle regioni (CdR)

Il Parlamento europeo appena eletto e la prossima Commissione saranno responsabili dell’adozione del bilancio a lungo termine dell’UE per il post 2027. Il CdR ha quindi esortato i legislatori europei e gli Stati membri a prevedere livelli di risorse comparabili – o persino più ambiziosi – nel futuro bilancio dell’UE, in particolare nel quadro di una politica di coesione forte e riformata. Priorità dovrebbe essere data all’istruzione, alla formazione e alla riqualificazione dei lavoratori, inclusi quelli delle pubbliche amministrazioni locali e regionali, in particolare nelle aree meno sviluppate.

Gli appalti pubblici sono un potente strumento attraverso il quale le autorità locali e regionali possono stabilire standard e guidare il mercato verso prodotti e servizi più sostenibili. Sebbene contribuiscano a circa il 15% delle emissioni globali di gas serra, gli appalti pubblici sono stati finora sottoutilizzati per promuovere nuovi modelli di consumo. Le regioni e le città hanno chiesto regole semplificate e criteri obbligatori per gli acquisti circolari, che potrebbero spingere il mercato a sviluppare nuove offerte.

I leader locali e regionali si sono anche detti favorevoli a obblighi più stringenti per gli Stati membri di adottare strategie di economia circolare, che includano obiettivi vincolanti e strategie associate a livello nazionale, in modo da spingere i territori ad accelerare la loro transizione.

Articoli correlati