Co-housing per la terza età: ecco i risultati

Presentati i risultati del progetto “Condiviviamo”, promosso dall’Assessorato al Welfare di Bari

 

Sono stati presentati a Bari, nella sala Aldo Moro del Dipartimento di Giurisprudenza, i risultati del progetto “Condiviviamo”, promosso dall’Assessorato al Welfare.

Il progetto è stato gestito dalla cooperativa sociale Occupazione e Solidarietà e dal gruppo di ricerca coordinato dalla professoressa Letizia Carrera del Dirium Uniba, con l’obiettivo di potenziare le forme di co-housing per la terza età promuovendo l’inclusione sociale e il miglioramento della qualità della vita degli anziani.

“Il progetto di co-housing e casa comune per gli over 65 e anziani è stata una delle sperimentazioni più ambiziose realizzate in questi anni – ha sottolineato Francesca Bottalico – Insieme ai condomini sociali per donne vittime di violenza, persone senza dimora, famiglie, migranti, persone sole, questo progetto rappresenta un’azione concreta per il contrasto non solo alle povertà economiche e abitative ma anche alle povertà relazionali e alle solitudini. Oltre il bisogno immediato, il progetto vuol promuovere il benessere e il diritto a un invecchiamento attivo. L’efficacia e i risultati positivi oggi presentati ci dimostrano come la sperimentazione di un anno fa sia stata lungimirante. Tutto questo ci permetterà di strutturare al meglio le future progettazioni, anche nell’ambito del PNRR. Il progetto co-housing per la terza età è stata una delle prime esperienze pubbliche di questo tipo in Italia e rappresenta una buona prassi anche a livello nazionale”.

Il progetto che nasce come sperimentazione, unica nel territorio pugliese, è stato gestito per due anni dalla Cooperativa Sociale Occupazione e Solidarietà, in stretta collaborazione con il Comune di Bari e il gruppo di ricerca del team gestito da Letizia Carrera del Drium Uniba. Le azioni condotte sono partite dalla diffusione del co-housing, attraverso indagini conoscitive, campagne pubblicitarie, spot su emittenti televisive e radiofoniche, affissioni di cartellonistica, promozioni presso le associazioni o centri sociali rivolti alla terza età, utilizzo di pagine social e del portale dedicato www.condiviviamo.it. Ad oggi queste azioni hanno portato più di cento contatti, attraverso iscrizione al portale o telefonate dirette. Si sono poi effettuati circa 80 colloqui con anziani e familiari interessati al co-housing, di cui circa 20 presso le abitazioni degli anziani e i restanti presso la sede della cooperativa. Da questi incontri individuali sono emerse le seguenti esigenze per poter realizzare realtà di coabitazione:

  • desiderio che la città si occupi della terza età attraverso l’istituzione di condomini sociali
  • desiderio di co-housig in piccoli appartamenti anche per persone anziane con problemi di salute
  • desiderio di permanere del proprio territorio e quartiere di residenza
  • bisogno di mediazione per la condivisione di spazi con gli estranei

Da novembre 2022 è stato, quindi, dato l’avvio alla prima convivenza di sei anziani segnalati dai servizi sociali. Durante l’intero arco di tempo, l’equipe ha monitorato, supportato e aiutato a livello individuale e in gruppo gli anziani.

L’Assessorato al Welfare del Comune di Bari, ora, traduce le attività a carattere sperimentale in attività strutturate, con il nuovo avviso, con un budget di 206.000 euro, di cui 86.000 euro per gestione progetto (corrispettivo) e 120.000 euro per contributi alloggio e misure di sostegno all’autonomia. La durata è di 1 anno dalla data di sottoscrizione della convenzione del Fondo Non Autosufficienza (FNA) e il target è di almeno 6 beneficiari.

Articoli correlati