fbpx Skip to content

Category: Dossier

terremoto_distruzione_marco tassielli

Terremoto in Irpinia. Marco Tassielli: io c’ero

Una squadra di registi, giornalisti, tecnici, funzionari della Rai parte da Bari poche ore dopo le scosse di terremoto dl 23 novembre. Il racconto dei giorni immediatamente successivi al sisma fatto da Marco Tassielli, che faceva parte di quel gruppo
terremoto italia_marcello migliosi pixabay

Terremoto in Irpinia. Fiore (SIGEA): “Conoscere, monitorare, pianificare la manutenzione del territorio”

Antonello Fiore, presidente di SIGEA: “Una strategia efficace deve individuare un percorso che parta dalla conoscenza del territorio e delle sue dinamiche, attui il monitoraggio dei fenomeni, definisca le varie fasi della pianificazione, provveda alla manutenzione programmata del territorio e
terremoto marcello migliosi pixabay

Terremoto in Irpinia. Valletta (ordine geologi Puglia): “Puntare sulla cultura del rischio”

Il devastante terremoto che quarant’anni fa provocò nel 1980 quasi 3mila morti ha lasciato molte ferite non ancora guarite, prima fra tutte il mancato investimento in figure tecniche professionali negli enti pubblici. Il parere di Salvatore Valletta, presidente dell’Ordine Geologi
orologio _terremoto_marco tassielli

Terremoto in Irpinia. Cosa vide Moravia

Spero che il ricordo ci faccia capire gli errori commessi, ma soprattutto ci faccia invertire una tendenza in atto e rilanci i nostri giovani e li formi ad una cultura critica, lungimirante, ricca di conoscenza e competenza. Ne va del

Terremoto Irpinia, dopo 40 anni cosa è cambiato?

Tra terremoti e dissesto idrogeologico, la politica e gli amministratori locali devono agire in fretta per evitare altre tragedie e permettere all’ambiente, devastato dall’intervento umano, di rigenerarsi Dopo 40 anni da quella sera del 23 novembre 1980 è cambiato molto

Coronavirus e clima, calano le emissioni del 35%

Rilevanti effetti del lockdown sulla CO2 in Italia, ma senza misure straordinarie per una ripresa green, nel 2021 aumento senza precedenti delle emissioni La chiusura delle attività umane a causa del coronavirus ha pesato in modo significativo su consumi di

Report Ambiente e Salute di Lecce: i dati non sono confortanti

Tumori, discariche, amianto e radon preoccupano perché i dati superano la media regionale Nel Report Ambiente e salute in Provincia di Lecce, presentato nel Capoluogo salentino, i dati che emergono non sono confortanti: sono stati individuati 107 siti contaminati. Di

Taranto, fiaccolata per il diritto alla salute

Grande partecipazione alla fiaccolata per le vittime da inquinamento che si è svolta a Taranto. Per rispondere all’emergenza ambientale, un “comitato cittadino di liberazione” Taranto come una marea che ha invaso pacificamente, ma fermamente le vie principali della città e

Il futuro incerto dell’ex Ilva, Romano (Fiom Cgil): “Il governo faccia chiarezza”

Taranto torna in piazza. Lo fa il 26 febbraio con una Fiaccolata per ricordare le vittime dell’inquinamento ambientale. Ma l’ex Ilva oltre a essere un macigno nella vita quotidiana della città jonica e un pezzo di storia, rappresenta anche un

Inquinamento Taranto, Mons. Santoro: «Abbiamo tutti “consumato” senza occuparci delle conseguenze»

L’Arcivescovo di Taranto, insieme alle associazioni e ai cittadini, manifesta nella Fiaccolata di mercoledì 26 febbraio contro le vittime dell’inquinamento che sta devastando un’intera comunità Anche la Chiesa ha presto una posizione netta contro l’inquinamento. S. E. R. Mons. Filippo

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Può conoscere i dettagli consultando la nostra cookie policy.