Bonificata una discarica abusiva in Lamascrasciola. Sanzionate due persone

Gli agenti del Commissariato di Monopoli hanno subito individuato i responsabili. Sanzioni per 500 euro ciascuno. Previsto un aumento di controlli nelle contrade e l’installazione di fototrappole

 

Difficile controllare le contrade di Monopoli. Sono 100, qualcuna è stata già inglobata da tempo nel centro urbano, altre sono molto distanti anche 30 chilometri, ma tutte sono densamente abitate. Per questa ragione i controlli sono congiunti con tutte le forze dell’ordine e costanti, fino a realizzare anche dei presidi distaccati direttamente nelle contrade, come il punto di contatto rurale del Commissariato in contrada Sicarico.

Tra i reati più frequenti segnalati, ci sono quelli relativi ai rifiuti abbandonati lungo le strade o nei terreni, pericolosi per ragioni di ordine pubblico e di igiene, ma soprattutto per questioni ambientali.

La raccolta differenziata, nonostante sia attiva da tempo in città e in campagna, non è stata recepita correttamente da tutti. Ci sono ancora “sacche di resistenza”. C’è ancora qualcuno che non crede in questa necessità, oppure per incuranza o disinteresse getta la spazzatura dove capita. In alcuni casi capita che i cittadini scarichino la spazzatura dove capita soltanto perché è saltato il ritiro quotidiano o settimanale e non intendono conservarla fino al prossimo ritiro in casa. Anche per questa ragione, alcuni chiedono le isole ecologiche in terreni gli antropizzati.

Tante le segnalazioni dei cittadini e delle associazioni che si battono per tenere le campagne pulite, ma il fenomeno è difficile da arginare. Questa volta, a denunciare l’accaduto è stata l’Associazione Tutela della Contrade Monopolitane, che ha segnalato alla polizia il punto in cui da un po’ di tempo avveniva costantemente l’abbandono incontrollato di rifiuti.

L’intervento immediato degli agenti del Commissariato di Monopoli in Lamascrasciola ha evitato che l’accumulo di rifiuti raggiugessi volumi significativi. Gli agenti sono riusciti ad individuare i responsabili che sono stati segnalati agli uffici competenti comunali. La sanzione amministrativa prevista per questa tipologia di violazione prevede una pena pecuniaria massima di 500 euro ciascuno.

Lamascrasciola, poi, è una zona che ha caratteristiche molto interessanti da un punto di vista ambientale, tanto da insistere sul territorio anche alcuni vincoli ambientali e paesaggistici. Ecco perché è stata bloccata, dopo una serie di proteste della politica locale, di associazioni, di ricercatori e dei cittadini, la realizzazione di un Centro Comunale di Raccolta Rifiuti in campagna.

Dopo che la polizia ha individuato i responsabili, il Comune ha provveduto subito a bonificare l’area.

Visto l’aumento di reati di questo tipo e l’inizio della stagione estiva che riversa nelle campagne tanti monopolitani e tanti turisti, la Polizia, in accordo con il Comune e le altre forze dell’ordine, prevede di installare fototrappole in varie zone ed attuare ogni tipo di accertamento per individuare i responsabili di abbandono incontrollato di rifiuti.

Articoli correlati