Bari, approvato il piano nazionale sicurezza stradale 2030

Corso Trieste incrocio semaforizzato

Pronti gli interventi per realizzare il miglioramento della sicurezza stradale dei pedoni

 

È di 13,5 milioni di euro il finanziamento che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha messo a disposizione per 14 “Grandi Comuni”, per cui al Comune di Bari è stato assegnato un importo di 423.893 euro.

via Caldarola incrocio semaforizzato

La scelta degli ambiti di intervento, a cura della ripartizione Infrastrutture, Viabilità e Opere Pubbliche, discende da una valutazione del livello dell’incidentalità delle strade della città che tiene conto dei numeri e delle dinamiche degli incidenti, delle caratteristiche dei volumi di traffico e della dimensione trasversale della carreggiata. Tali informazioni, poi, sono state sovrapposte agli interventi e alle previsioni contenute nel Programma Triennale delle Opere Pubbliche del Comune di Bari, escludendo le zone che saranno oggetto di radicali trasformazioni infrastrutturali e selezionando ambiti per i quali si prevede che le condizioni di sicurezza dei pedoni resteranno immutate nei prossimi anni.

“La mobilità pedonale rappresenta uno dei punti cardine della strategia che si sta delineando a livello urbano attraverso il PUMS della Città metropolitana di Bari – commenta il sindaco Decaro -. Il principio guida è volto a rendere Bari una città a misura di pedone, ridisegnando lo spazio pubblico e ridefinendo la gerarchia degli assi stradali in modo da favorire la creazione di isole ambientali.

via Alfredo Giovine incrocio semaforizzato

In tale ottica l’amministrazione sta procedendo attraverso interventi di traffic calming, di realizzazione di strade a 10, 20 e 30 km/h nei nuclei storici e di pedonalizzazione degli spazi, con l’obiettivo di migliorare la sicurezza dei percorsi pedonali e ciclabili e di disincentivare l’utilizzo dei mezzi privati, minimizzando, dunque, il rischio di incidentalità dei pedoni. Con questo intervento introduciamo un ulteriore strumento di contenimento dei flussi veicolari con cinque nuovi attraversamenti semaforizzati pedonali su strade che presentano notevoli fattori di rischio per i pedoni per la dimensione della carreggiata oltre che per un notevole transito di mezzi”.

Gli ambiti di intervento scelti, anche in considerazione dell’importo del finanziamento e dunque degli interventi che si intende realizzare sono di seguito indicati:

Via Caldarola

Lungomare Nazario Sauro / Piazza Diaz

Lungomare Imperatore Augusto

Corso Trieste

Via Alfredo Giovine

Breve descrizione degli interventi previsti:

Interventi di messa in sicurezza di attraversamenti pedonali esistenti: realizzazione di attraversamento pedonale semaforizzato e dotato di illuminazione, rifacimento di segnaletica orizzontale e verticale nelle zone maggiormente a rischio.

Impianti semaforici

lungomare Imperatore Augusto incrocio semaforizzato

La regolazione semaforica è la tecnica usualmente adottata per gli incroci caratterizzati da flussi rilevanti, tali cioè da non rendere efficace l’adozione di regole di precedenza o di priorità, nelle circostanze nelle quali non è possibile realizzare una intersezione a livelli sfalsati.

Questa tecnica consente di aumentare la sicurezza dell’incrocio riducendo i punti di conflitto delle traiettorie dei veicoli e consente inoltre di:

– contenere i tempi medi di attesa alle intersezioni;

– evitare l’insorgere di condizioni di blocco dell’intersezione;

– ridurre la lunghezza delle code evitando il diffondersi della congestione ad altre intersezioni;

– garantire la precedenza a particolari classi di utenti, quali ad esempio mezzi di trasporto collettivo e/o pedoni;

– contenere il consumo di carburante e le emissioni di inquinanti, riducendo i tempi medi di permanenza dei veicoli nella rete.

La regolazione semaforica svolge, inoltre, un importante ruolo di supporto all’implementazione di schemi di circolazione consentendo di privilegiare alcuni itinerari, di controllare l’accesso ad alcune zone circoscritte del territorio urbano e, più in generale, di facilitare l’utente nella percezione della gerarchia definita tra gli assi stradali.

Attraversamenti pedonali

Sugli attraversamenti individuati sono stati rilevati i più alti flussi pedonali.

largo Giannella incrocio semaforizzato

Gli impianti saranno realizzati con le nuove lanterne (sia veicolari che pedonali) a led in alluminio di colore bianco/rosso in linea con i nuovi impianti già presenti nel comune di Bari.

Le lanterne di tale fattura garantiscono una elevata durabilità e funzionalità, riducendo al minino gli interventi di manutenzione ordinaria e garantendo una elevata visibilità sia da parte dei veicoli che dei pedoni.

Verranno installate due paline, ubicate sui marciapiedi, e due pali a sbraccio doppio, posti ognuno su ogni marciapiede. Tutti i pali, in acciaio zincato, devono rispettare le norme UNI e saranno di colore bianco con guaina di supporto nella parte bassa per limitare fenomeni di corrosione e garantire la durabilità.

Su ogni braccio dei pali doppi, all’estremità in corrispondenza del centro carreggiata, verrà installata una lanterna veicolare sotto la quale verrà posto un pannello luminoso con il simbolo di attraversamento pedonale e una luce a led per illuminare adeguatamente la carreggiata sottostante. L’impianto sarà dotato di 6 dispositivi di segnalazione sonora e di 6 dispositivi count-down (uno per ogni palina e 2 per ogni palo a sbraccio) per garantire la fruibilità delle persone ipovedenti/ipoudenti.

L’impianto dovrà essere inserito e opportunamente configurato con la piattaforma TMACS in uso presso il Comune di Bari al fine di gestire lo stesso da remoto insieme agli altri semafori centralizzati presenti sul territorio cittadino.

I lavori cominceranno nel mese di giugno e termineranno entro il mese di dicembre 2024.

Articoli correlati