A Natale crescono i consumi energetici del 30% 

Foto di Michelle Raponi da Pixabay

La decorazione natalizie impattano su bollette e ambiente. Possono produrre fino a 20mila tonnellate di CO2 in atmosfera. Ma si possono ridurre sprechi e consumi

 

Secondo la Società Italiana di Medicina Ambientale anche il Natale ha un forte impatto sull’ambiente. Addobbare l’albero di Natale e decorare la casa con luci e catene luminose produce in Italia, nell’intero periodo natalizio, fino a 20mila tonnellate di CO2 che vengono immesse in atmosfera.

Foto di Jill Wellington da Pixabay

Tra l’8 dicembre e il 6 gennaio sia gli interni che gli esterni delle abitazioni sono decorati con illuminazioni natalizie che rimangono accese diverse ore al giorno – spiega Sima – Una invasione di fili luminosi e di lampadine che determina un incremento dei consumi energetici di circa il +30% rispetto al resto dell’anno, pari a 1.600 MWh al giorno ossia 46.400 MWh di energia consumata. Consumi che equivalgono a 650 tonnellate di CO2 immesse ogni giorno in atmosfera, tra le 18mila e le 20mila tonnellate di CO2 durante l’intero periodo delle festività.

“Il Natale e le nostre abitudini durante le feste impattano in modo importante sull’ambiente, in termini di maggiore inquinamento, ma anche sulla bolletta – afferma il presidente Sima, Alessandro Miani – Un filo di luci di vecchia generazione tenuto acceso diverse ore al giorno durante le festività, ad esempio, incide fino a 15 euro a famiglia sulla bolletta di dicembre: se in casa se ne utilizzano 3 tra interni e balconi, l’aggravio di spesa sul fronte dell’energia può raggiungere i 50 euro.”.

Se a tutto questo aggiungiamo gli addobbi lungo le strade e nei negozi, i costi energetici e ambientali crescono sensibilmente.

luci natale_pixabay
Prediligete lampadine e luci a led rispetto a lampadine tradizionali, consumano meno e durano di più

Per ridurre i consumi e i danni sull’ambiente, senza rovinare il Natale, la soluzione oggi c’è. “Costi e impatto ambientale si abbattono sensibilmente se si ricorre alle luci al Led per tutte le decorazioni – spiega Miani – la cui incidenza sulle bollette è di pochi centesimi di euro al giorno. È inoltre possibile ridurre consumi e sprechi utilizzando timer che limitano la durata di accensione delle illuminazioni, e diminuendo il numero di luci sull’albero di Natale sfruttando oggetti riflettenti come specchi e palline argentate o dorate.”.

Soluzioni, se vogliamo, banali che arricchiscono anche le nostre decorazioni natalizie e la nostra fantasia. Anche perché il Natale è sinonimo di colori, luci, regali, feste e grandi tavolate, per cui gli addobbi sono una parte importante della felicità e della gioia natalizie.

Diventa fondamentale in questo senso la transizione energetica: infatti, solo se si spinge verso l’utilizzo totale di fonti rinnovabili e di energia pulita, i problemi energetici e ambientali potrebbero essere risolti, riportando equilibrio tra necessità umane e cicli vitali ambientali.

Articoli correlati