Vaccinazioni, anche giovedì 29 aprile si prosegue con i più fragili

Ancora in prima linea i medici di medicina generale. Asl Bari, diminuiti del 45% i positivi. Emiliano scrive ai medici di base

Le dosi di vaccino anticovid somministrate sino ad oggi in Puglia sono 1.225.017 (dato aggiornato alle ore 18.00). Con una percentuale del 95% di dosi somministrate su quelle consegnate la Puglia è oggi al terzo posto delle regioni italiane.

Le 152mila dosi di vaccino  Pfizer arrivate in Puglia sono state destinate in gran parte ai medici di medicina generale  per procedere più speditamente con le vaccinazioni programmate dei pazienti più fragili e anziani. Domani intanto, annuncia l’assessore alla Salute Pier Luigi Lopalco, incontro con tutti gli ordini dei medici della Puglia e con i coordinatori della medicina di base delle ASL per fare un punto sull’avanzamento della campagna vaccinale e ascoltare le loro proposte.

Lettera aperta di Emiliano ai medici di medicina generale

A questo proposito il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano risponde con una lettera aperta pubblicata sulla sua pagina Facebook ai medici di medicina generale che questa mattina gli avevano scritto con riferimento alla campagna vaccinale.

«Raccolgo la vostra sollecitazione per chiedervi di guardare oltre le ingiuste critiche che vi hanno rivolto -scrive Emiliano – .La giustificata ansia di tutti noi di vaccinarci al più presto pur in mancanza – in tutto il mondo – di dosi di vaccini sufficienti, giustifica la continua attenzione sulle attività che ogni attore sanitario svolge in questo periodo.

Ma i medici di famiglia in questa fase stanno affrontando un compito delicato e importantissimo e si stanno comportando egregiamente nonostante i disagi causati dalla somministrazione a singhiozzo dei vaccini da parte del Governo. Vi ho chiesto di partecipare alla campagna vaccinale con insistenza da molti mesi e vi ringrazio per la disponibilità che mi avete dato. Vi ringrazio per avere accettato anche di eseguire tamponi e di coordinare assieme ai colleghi delle Asl – Usca l’assistenza domiciliare dei positivi -continua Emiliano, che nella lettera ricorda di aver dato indirizzo per fornire con continuità i vaccini  utili a completare la vaccinazione dei fragili, degli ultraottantenni e degli allettati – e già oggi ho disposto che vi siano consegnate nuove dosi».

La lettera si conclude con l’invito a continuare insieme la lotta al covid e preannuncia ampia disponibilità ad ascoltare le richieste che verranno rivolte dai medici nell’incontro di domani.

La situazione nell’Asl Bari

Sono 46.471 le vaccinazioni eseguite finora dai medici di Medicina generale, che  proseguono con le somministrazioni in favore di soggetti fragili a domicilio, nel proprio studio o nelle sedi messe a disposizione dall’azienda sanitaria. Il NOA Covid-Vacc ha già predisposto una ulteriore distribuzione di vaccini di intesa con i distretti socio sanitari per i medici di Medicina generale, che riceveranno circa 21mila dosi, di cui 9mila per le seconde dosi e 12mila per eseguire prime vaccinazioni dei loro assistiti.

Tra i residenti nel territorio della ASL, il 23% ha già ricevuto almeno la prima dose di vaccino. Percentuale di copertura che aumenta se si considera solo la città di Bari: almeno prima dose il 26% dei residenti. Dati al di sopra della media italiana che al momento è al 21,9%. Per quanto riguarda la copertura vaccinale per decadi di età, nella fascia 60-69 anni almeno la prima dose è stata assicurata al 28% dei cittadini. Delle persone di età compresa fra i 70-79 anni, il 60% ha già ricevuto la prima dose.  E infine l’83% degli ultraottantenni, (compresi 90 e 100) sono stati immunizzati con almeno la prima somministrazione di vaccino.

Il grafico dei contagi

Curva contagiArrivano intanto notizie rassicuranti sul calo dei contagi e sull’aumento della copertura vaccinale in provincia di Bari. Come mostrato dal grafico elaborato dall’Area Epidemiologia e Care Intelligence – Aress Puglia la percentuale dei cittadini residenti nel territorio provinciale che hanno ricevuto almeno la prima dose di vaccino è pari al 23%.

La rappresentazione grafica dell’andamento epidemiologico mostra chiaramente le diverse fasi della evoluzione della pandemia: a partire dalla prima ondata che si è verificata tra novembre e dicembre 2020, passando poi ad una fase intermedia con una leggera flessione, per arrivare infine alla terza ondata tra fine febbraio e inizio marzo di quest’anno. Superata la terza ondata, con il suo picco registrato negli ultimi giorni di marzo, si nota dal grafico che a partire dai giorni successivi, si riscontra una marcata flessione della curva. Solo nelle ultime tre settimane è stata rilevata una riduzione del 45% di nuovi casi positivi.

Domani nelle altre Asl

Asl Bt. Oggi sono state consegnate a Barletta 11700 dosi di vaccino Pfizer che sarà utilizzato in via prioritaria per la vaccinazione dei pazienti fragili e oncologici e per le seconde dosi già programmate. Una buona parte di vaccini sarà messa a disposizione dei medici di medicina generale perché possano continuare in maniera costante e omogenea la vaccinazione dei pazienti fragili su tutto il territorio.

Asl Foggia. A Foggia nelle prossime ore saranno distribuite circa 10mila dosi di vaccino ai medici di medicina generale per la vaccinazione delle persone estremamente vulnerabili e con disabilità grave.

Asl Brindisi. Nella Asl di Brindisi continuano regolarmente le vaccinazioni con seconde dosi.  Somministrazioni di prime dosi sono in corso per gli utenti afferenti alle reti di patologie – persone con malattie rare, oncologici, emopatici – e anche per quegli anziani over 80 che non si erano prenotati e che saranno vaccinati nei centri di Brindisi, Ceglie Messapica, Francavilla Fontana, Mesagne e San Pietro Vernotico. Sono in programma domani, giovedì, grazie all’arrivo di più di 15mila dosi di Pfizer, le vaccinazioni per i soggetti fragili a cura dei medici di medicina generale, che finora hanno somministrato 12mila dosi. Entro domenica 2 maggio potranno essere vaccinati tutti gli utenti per i quali i medici di famiglia avevano già programmato le somministrazioni. Un’ulteriore consegna di vaccini Pfizer, circa 14mila dosi, è prevista per il 5 maggio: dal giorno successivo i medici di medicina generale proseguiranno con le vaccinazioni delle persone fragili.

Asl Lecce. Prosegue la vaccinazione degli over 80, degli over 70 e dei pazienti fragili. È in corso una ricognizione per individuare le persone estremamente vulnerabili e disabili gravi non ancora vaccinate, Distretto per Distretto.

 

Articoli correlati