Input your search keywords and press Enter.

L’indagine del Censis sugli impianti elettrici

Permangono ancora situazioni di scarsa sicurezza nelle abitazioni degli italiani. Come sottolinea lo studio Di Cosmo, sulla base della fotografia della situazione degli impianti elettrici delle abitazioni italiane scattata da un’indagine realizzata dal Censis nei mesi di luglio e settembre 2011. Si stima che nell’anno appena passato in Italia c’erano 6milioni e 880mila unità abitative (31,8% del totale) con impianti a norma perché in possesso dei requisiti minimi di sicurezza (messa a terra, interruttore differenziale, schermi di protezione delle prese) e della relativa dichiarazione di conformità; 6milioni e 600mila unità abitative (30,5% del totale) con impianti quasi a norma, in possesso dei requisiti minimi di conformità dell’impianto ma non convalidati da alcun tipo di dichiarazione; 8milioni e 157mila unità abitative (37,7% del totale) con impianti sicuramente non a norma, in quanto mancanti dei requisiti minimi di conformità.

Dai risultati dell’indagine emerge che quasi il 60% delle abitazioni ha un impianto da almeno vent’anni. Se si sposta, però, lo sguardo sugli infortuni, si scopre che quelli di origine elettrica nelle abitazioni sono molto frequenti, tanto da costituire una porzione rilevante dell’incidentalità domestica totale. Secondo i dati Istat, in Italia si verificano ogni anno circa 4milioni di incidenti domestici, di questi, si stima che oltre 241mila siano imputabili a cause elettriche, una quota pari a circa il 6% del totale.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *