Input your search keywords and press Enter.

Greenway, progetto della Regione Piemonte per il recupero delle ferrovie dismesse

Trasformare le reti ferroviarie dismesse, da almeno 10 anni, in piste ciclabili immerse nella natura: con i loro percorsi unici e spesso incantevoli in lunghe piste ciclabili, a tutto vantaggio dei tanti appassionati delle due ruote e dell’ecoturismo.

Il progetto, sperimentale, è al vaglio del Consiglio della Regionale Piemonte, che di recente ha approvato un emendamento proposto dal Partito Democratico. L’assessorato regionale al Turismo piemontese è in trattativa con RFI (Rete Ferroviaria Italiana) per ottenere il comodato d’uso gratuito dei percorsi ferrati. L’idea di posare pannelli sulle rotaie per creare una pista ciclabile a due direzioni è innovativa; è economica, non impatta sull’ambiente ed è reversibile, nel caso in cui le ferrovie decidessero di riattivare il tratto ferroviario.

Questo progetto – ha sottolineato l’assessore al Turismo Alberto Cirio – permetterebbe di “restituire alla natura e ai cittadini aree altrimenti condannate al degrado”; non sarebbero necessari grandi investimenti e potrebbe essere sostenuto con Fondi Fas destinati al comparto del turismo ecologico in crescita e che non risente della crisi.

Dal web magazine Focus.it, una richiesta di aiuto per censire le piste ciclabili ricavate da tratti di ferrovie abbandonate. Basta compilare un modulo online nella misura più precisa e accurata possibile, per a creare una mappa dettagliata delle cosiddette “greenway” italiane.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *