Input your search keywords and press Enter.

Favini presenta Crush Lenticchia

Favini, l’innovativa cartiera italiana tra i leader globali nella realizzazione di specialità grafiche innovative a base di materie prime naturali, presenta Crush Lenticchia, la prima carta ottenuta dagli scarti della lavorazione della lenticchia e prodotta in esclusiva per Pedon, azienda vicentina oggi tra i big player mondiali del settore dei cereali, legumi e semi.

100% riciclabile e biodegradabile, Crush Lenticchia è una carta prodotta con una speciale attenzione per l’ambiente: consente infatti di risparmiare, per la sua produzione, il 15% di cellulosa proveniente da albero e di diminuire del 20% l’emissione di gas effetto serra.

Durante la fase del controllo qualità di Pedon, le lenticchie non conformi agli standard qualitativi necessari vengono scartate: in un’ottica di economia circolare, tutti i semi non più idonei all’alimentazione umana vengono raccolti per essere successivamente purificati, micronizzati e introdotti all’interno del ciclo produttivo della carta, in parziale sostituzione della cellulosa.

Nasce così Crush Lenticchia: il risultato della lavorazione è una carta dalla colorazione bianca naturale, leggermente porosa al tatto e con i residui del legume ben visibili sulla superficie. La minor quantità di cellulosa non inficia la qualità e la stampabilità della carta.

Lo sviluppo di questa nuova carta eco-friendly è la naturale evoluzione dell’esperienza acquisita da Favini negli anni. Alga Carta, la prima nata all’interno di questo filone, è la carta prodotta con le alghe in eccesso degli ambienti lagunari a rischio. Altro passo in questa direzione è stato il lancio, avvenuto nel 2012, di Crush, la gamma di carte ecologiche realizzate con scarti di lavorazioni agro-industriali di mais, agrumi, kiwi, olive, mandorle, nocciole, caffè, lavanda e ciliegia e uva, che sostituiscono fino al 15% della cellulosa proveniente da albero. Nel 2013 compare Carta Crusca, seguita nel 2015 da Crush Fagiolo, prodotta riducendo del 15% l’impiego di cellulosa vergine proveniente da alberi e diminuendo del 20% l’emissione di gas effetto serra.

Nel 2015 è nata dalla collaborazione con la maison dello champagne Veuve Clicquot anche una carta prodotta grazie ai sotto-prodotti del processo di produzione dello champagne: la buccia degli acini d’uva viene essiccata e micronizzata per diventare materia prima per la produzione di una carta ecologica unica risparmiando il 25% di fibre vergini.

Lenticchia

Dalla collaborazione con Pedon nasce Crush Lenticchia

Uno degli ultimi traguardi è stata Remake, presentata a fine 2015: una carta che si compone per il 25% di sotto-prodotti della filiera della pelletteria, per il 30% di cellulosa di riciclo post consumo certificata FSC e per il 45% di fibre di cellulosa vergine certificata FSC. Il risultato è una carta pregiata, riciclabile e compostabile al 100%, che garantisce ottime prestazioni di stampa e trasformazione, permettendo di realizzare le più svariate applicazioni, dalle brochure alle shopper, dai cartellini al packaging, destinate al mondo della moda e del lusso. Inoltre, i residui di cuoio visibili sulla superficie donano un aspetto distintivo e un effetto tattile morbido e sorprendentemente vellutato, adatti anche ai progetti più creativi.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *