Input your search keywords and press Enter.

Xylella fastidiosa, modifiche a decreto

xylella fastidiosa

Le Regioni hanno espresso un parere negativo, a meno che non siano accolti alcuni emendamenti, sul decreto che modifica alcune normative (previste da un precedente decreto) di emergenza per la prevenzione, il controllo e l’eradicazione di xylella fastidiosa nel territorio. Gli emendamenti sono contenuti in un documento, approvato dalla Conferenza delle Regioni, e consegnato al governo in occasione della conferenza Stato-Regioni del 4 febbraio.

Per il testo integrale del Punto 4 O.d.g. Conferenza Stato-Regioni (pubblicato anche nella sezione “Conferenze” del sito Regioni.it, cliccare su

Parere sullo schema di decreto del ministro delle Politiche Agricole alimentari e forestali concernente: “modifica del decreto ministeriale 19 giugno 2015 recante misure di emergenza per la prevenzione, il controllo e l’eradicazione di xylella fastidiosa (wells et al.) nel territorio della Repubblica italiana”.

 

La Conferenza esprime parere negativo, salvo l’accoglimento delle seguenti proposte di modifica:

All’articolo 1, comma 5, lettera c), relativo all’inserimento del comma 9, sopprimere la parola “temporaneo” e sopprimere alla lettera e) dello stesso comma 9, le parole “nell’area originaria”, consentendo il reimpianto in altre particelle della stessa azienda.

All’articolo 1, comma 5, lettera c), relativo all’inserimento del comma 9, dopo le parole “di cui è stata svolta”, inserire le seguenti parole: “, con esito positivo, “ e inserire le ulteriori tre condizioni prima della lettera a):

a01. che l’opera autorizzata con procedura di VIA abbia un livello di Progettazione Esecutiva e sia immediatamente cantierabile;

a02. che si sia adempiuto a tutte le prescrizioni rinvenenti dal Decreto di VIA (Valutazione Impatto Ambientale) e che la relativa Verifica di Ottemperanza sia stata asseverata da tutti gli enti competenti;

a03. che l’opera oggetto di autorizzazione sia coerente con il contesto ambientale e paesaggistico, ovvero con ulteriori opere “tecnicamente connesse” che dovessero risultare necessarie all’esercizio dell’opera autorizzata.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *