Input your search keywords and press Enter.

WWF: “Nel 2030 ci vorranno due pianeti”

Dal Living Planet Report, il rapporto biennale realizzato dal WWF per monitorare lo stato di salute del pianeta, emerge un quadro che necessita senz’altro di interventi tempestivi. Ad oggi si registra una diminuzione del 30% dello stato di salute delle specie globali, con picchi fino al 60% nei Paesi tropicali e nelle nazioni più povere. Inoltre, sempre più prepotente si fa il dominio dell’uomo sulla natura, raddoppiato rispetto agli anni ’60, con una domanda di risorse naturali che richiede attualmente la capacità bioproduttiva di 1,5 pianeti per arrivare addirittura a 2 pianeti nel 2030. Sempre più importante, inoltre, si fa il divario tra i Paesi ricchi e le popolazioni più povere: la crescita economica dei primi crea un impatto tale sugli ecosistemi da danneggiare irrimediabilmente le situazioni già precarie. Il WWF invita ad applicare nuove norme per un futuro sostenibile, tra le quali: nuovi indicatori di sviluppo, aumento delle aree protette e della capacità produttiva del pianeta, accordi internazionali per la distribuzione equa delle risorse.

Print Friendly, PDF & Email