Input your search keywords and press Enter.

WWF: ILVA, il ministero dell’Ambiente ritiri l’Autorizzazione Integrata Ambientale

«Il ministero dell’Ambiente ritiri in autotutela l’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) rilasciata dal governo precedente allo stabilimento Ilva di Taranto e preveda la sospensione delle autorizzazioni ambientali antecedentemente rilasciate e sostituite dall’AIA». È la richiesta del WWF Italia al ministero dell’Ambiente in merito allo stabilimento Ilva di Taranto.

«L’intervento della magistratura – prosegue l’associazione – dimostra inequivocabilmente che, come sostenuto dal WWF, a tale proposito ha presentato ricorso e che dal 2001 s’interessa con i propri legali dell’inquinamento dell’Ilva di Taranto, non esistevano i termini per il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale. Ora, cogliendo spunto dal sequestro degli impianti, il ministero può rivedere la valutazione sull’AIA e porre ben altre condizioni a garanzia dei lavoratori, dei cittadini e dell’ambiente per la ripresa delle attività».

«Il WWF Italia ricorda, inoltre, al ministero dell’Ambiente, semmai ce ne fosse bisogno, che già nel 2001 la Procura di Taranto aveva ordinato con un sequestro preventivo la chiusura degli impianti dell’Ilva, individuando così già da allora la responsabilità dei vertici dell’azienda. È quindi paradossale che dopo oltre 10 anni la questione dell’inquinamento ambientale e dei relativi impatti sulla salute debba essere riportata alla ribalta ancora una volta dalla magistratura penale e che nel frattempo la politica non abbia operato per una soluzione reale del problema».

«Se è vero che, anche a seguito di ammodernamenti tecnologici, le emissioni di oggi non sono quelle di 20 anni fa, è altrettanto vero che l’attività inquinante è rimasta costante e quella di bonifica non è mai partita. Se non si vuole tornare ai tempi delle miniere, il diritto al posto di lavoro non può prescindere dalla tutela della salute connessa alle attività produttive e quindi anche alla tutela della salute di tutti coloro che vivono in prossimità di uno stabilimento industriale».

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *