Weekend in Puglia  tra città e natura

  1. Sfidiamo la pioggia e incrociamo le dita per il primo weekend di ottobre, proponendo una serie di passeggiate nella natura nella stagione dai colori più affascinanti e suggestivi o, in alternativa, restando a casa, ma sempre per un bel weekend in Puglia.

Bari, urban nature in piazza Garibaldi

Intanto, un’appuntamento in città può nascondere insospettabili scoperte. Il Wwf Levante Adriatico organizza per domenica 7 ottobre alle 9,30 un “urban nature” a Bari, nella centralissima piazza Garibaldi. Sarà la scoperta di interessanti presenze vegetali come la Phillyrea secolare, lo Schinus molle e le Quercus ilex insieme ad altre varietà.
A seguire, il laboratorio di semina di specie autoctone, cosicchè tutti i partecipanti potranno tornare a casa con il proprio vasetto. E a fine mattinata studio dal vivo di nidi naturali e artificiali. Non è un weekend in Puglia del tutto insolito? Prenotazioni ai numeri 3291562781 (Brizio) oppure 3381070398 (Maria)

Putignano, weekend in Puglia alla scoperta di grotte e santuari

putignano weekend in Puglia
La passeggiata organizzata da Trek&Food partirà dalla città di Putignano (nella foto) per spostarsi nei boschi che la circondano

Sempre domenica 7 ottobre, anche questa volta un giro “urbano”. Organizzato da Puglia Trek&Food (prenotazioni al numero 349076707, arch. Orazio P. Sansonetti), siamo ai bordi dell’antico villaggio di origini Peucete, odierna Putignano, in provincia di Bari. Tra antiche vie e fitti boschi, si arriverà a visitare il più importante Santuario rupestre della Murgia Barese; scavato nella roccia all’interno di una grotta, il Santuario è un vero e proprio contenitore archeologico sotterraneo che raccoglie un gran numero di testimonianze e storie di pellegrinaggio. Sarà anche l’occasione per narrare le diverse vicende di brigantaggio ancora custodite all’interno dei boschi che verranno percorsi; come scoprire chi fosse il feroce brigante Nicola Spinosa, conosciuto con il soprannome di “Scannacornacchia”.
LEGGI ANCHE: Sergente Romano, il brigante di casa nostra

Cosa succede nel parco Alta Murgia?

Ancora una interessante proposta per un bel weekend in Puglia con una full immersion nella natura. Sempre domenica 7 ottobre l’associazione “Murgia Enjoy“, nell’ambito delle attività “E-venti del Parco”, propone una conferenza itinerante nel territorio del Parco Nazionale dell’Alta Murgia per riconoscere i rapaci che prediligono i territori murgiani per la ricerca di cibo, così come descritto con minuziosi particolari e miniature sin da Federico II di Svevia nel suo trattato De arte venandi cum avibus, “L’arte di cacciare con il falcone”.

falco
I rapaci costituiscono un ottimo indicatore dello stato di conservazione degli ecosistemi

L’Alta Murgia, infatti, ha un popolamento faunistico di estrema importanza nazionale e internazionale e tra gli uccelli, nello specifico, sono presenti numerose specie di interesse conservazionistico/scientifico. All’interno dell’area del Parco sono note 124 specie tra nidificanti, svernanti o di solo passo che rappresentano circa il 35% delle 351 specie presenti a livello regionale e circa il 25% delle 500 accertate per l’Italia. I rapaci rappresentano, in quanto predatori al vertice delle catene trofiche, uno dei gruppi di specie maggiormente sensibili alle alterazioni ambientali e pertanto costituiscono un ottimo indicatore dello stato di conservazione degli ecosistemi. A relazionare sull’argomento sarà la socia lucana Anna Ierinò, che da anni segue e fotografa questi rapaci. Informazioni qui

Teatro in natura nel Bosco delle Pianelle

Le nostre proposte per un bel weekend in Puglia si concludono nel Bosco delle Pianelle (Martina Franca), dove siamo di teatro. Domenica 7 ottobre, dopo un’escursione guidata fino a raggiungere Foggia Lamacupa, un suggestivo jazzo immerso nel bosco, la compagnia Teatro dell’Altopiano presenterà lo spettacolo teatrale “La bella e il drago”, con la regia di Carlo Formigoni. Informazioni qui 

Articoli correlati