Input your search keywords and press Enter.

Weekend doppio, un Festival e la V edizione del Teatro Civile

Fino a domenica la settima edizione di FestambienteSud– eco festival delle questioni meridionali- e la quinta edizione del Teatro Civile Festival, gli appuntamenti estivi per eccellenza di Legambiente. Tema di quest’anno il cibo, non un caso come spiega il direttore Franco Salcuni: «Pane, Olio e Mediterraneo è stato scelto per rievocare non solo il titolo della prima edizione, ma per sottolineare l’importanza dell’alimentazione come elemento d’identità comune dell’Italia meridionale e dei Paesi dirimpettai».

Manifestazioni che godono di sostegno da parte di istituzioni locali e sponsor privati e ambedue sostenuti dall’Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia e dall’Unione Europea. Di che si tratta? Un corposo e vario cartellone di eventi, teatrali, musicali, culturali e gastronomici che animeranno il borgo medievale di Monte Sant’Angelo, la nota località in provincia di Foggia. Un intento mirato, come ha aggiunto Vittorio Cogliati Dezza, Presidente nazionale di Legambiente, in quanto già «da alcuni anni abbiamo voluto avviare un’azione ad ampio raggio per contribuire alla rinascita del Sud, valorizzando le tante esperienze di eccellenza che vi si realizzano, di cui FestambienteSud rappresenta la vetrina migliore. Questo appuntamento, infatti, sin dalla sua prima edizione ha saputo offrire una rassegna culturale e artistica interessante, articolata sulle tematiche più attuali e importanti per il Paese, a partire dal sentire meridionale, come cifra particolare per leggere la complessità dei fatti. In questa edizione si vuole affrontare anche il tema caldissimo del Mediterraneo, quale crocevia di storia e culture, elemento distintivo e determinante della vita dei popoli che vi si affacciano. E’ proprio in questo mare che si gioca una partita decisiva per la pace e uno sviluppo che metta al centro l’uomo e l’ambiente. Una prospettiva alla quale tutti dovremmo contribuire, sostenendo la speranza di giustizia e libertà dei conflitti sulle sponde del Mare Nostrum ma anche attraverso un supporto alla Sovranità alimentare e all’agricoltura di qualità».

Un Festival e un appuntamento come Teatro Civile che sono – per il sindaco di Monte Sant’Angelo Andrea Ciliberti – «un grande motore per la nostra cultura, il nostro turismo, per l’economia e per la promozione dell’intero territorio. Ne siamo pienamente convinti ed è per questo che da circa sette anni condividiamo ed apprezziamo il lavoro che Legambiente dedica al Mezzogiorno e siamo felici ed orgogliosi di ospitare, ancora una volta, i festival nazionali di Legambiente per il Sud Italia in una Città che è candidata dall’Unesco nella lista dei beni patrimonio dell’umanità e che a breve potrebbe avere l’iscrizione». Nel programma segnaliamo quattro giorni di musica reggae, per celebrare i trent’anni dalla morte di Bob Marley, il “re del terzo mondo”, e una decina di altri incontri. Da non perdere i dibattiti, il 22 sull’agricoltura e la giornata del 23 luglio dedicata all’inclusione del Santuario di San Michele nella lista dei beni Patrimonio Mondiale dell’umanità dell’Unesco. Super ospite Dario Vergassola. Ed ancora laboratori: la Masterclass di Teatro Danza, a cura di Elisa Barucchieri – Res Extensa, il Teatro Ragazzi, curato da Francesca D’Ippolito, le mostre, i concorsi di fotografia e i cortometraggi. Ricca poi la presenza del cibo, grazie al PROGETTO BIOFOOD, ad una serie di produttori biologici della Capitanata e alla collaborazione con SLOW FOOD nel “Teatro del gusto”, un luogo dove incontrare cuochi italiani e internazionali e assaggiarne i piatti simbolo, cucinati davanti al pubblico, svelandone tutti i segreti per una perfetta preparazione. E in largo Tomba di Rotari – ripresi da telecamere che li proiettano su un grande schermo – si esibiranno alcuni grandi interpreti del territorio, accomunati dal rispetto per la stagionalità, la freschezza, la provenienza e la sostenibilità delle materie prime. Info www.festambientesud.it; 348.71.96.465 oppure 328.63.40.409.

(Fonte: Portale ufficiale del turismo della Regione Puglia – www.viaggiareinpuglia.it).

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *