Vivere nei parchi alla scoperta della natura di Torre Guaceto

A Torre Guaceto si torna a vivere nei parchi, grazie alle attività svolte dai ragazzi dei diurnio e delle CRAP

Vivere nei parchi vuol dire tronare ad apprezzare i suoni, i colori e i sapori della natura.

Il tempo impiegato per prendersi cura del proprio corpo e della propria anima non è mai tempo sprecato, anzi, forse guadagnato se le attività svolte aiutano a vivere meglio.

E questo è ciò che sta accadendo a Torre Guaceto per i ragazzi dei centri diurni e delle CRAP (Comunità Riabilitative Assistenziali Psichiatriche) di Brindisi, San Pietro Vernotico e Carovigno, che per 2 volte a settimana per 2 ore ad appuntamento svolgono attività motorie ed esperienziali in Riserva.

LEGGI ANCHE: Parco in Tanzania, più protetto ma in pericolo

Le attività svolte spaziano dal walking, alle escursioni a piedi tematiche sulla biodiversità, l’archeologia e il patrimonio storico, dallo yoga, ai corsi di balli popolari, esperienze dei suoni in natura, dai laboratori di educazione ambientale, a quelli sul cibo e sui prodotti tipici e tanto altro. Obiettivo è recuperare l’entusiamo si vivere nei parchi, a stretto contatto con l’ambiente naturale.

Ogni laboratorio è personalizzato in base al target dei partecipanti.

A prendersi cura di questi amici speciali di Torre Guaceto ci pensano gli operatori della cooperativa Thalassia vincitrice dell’avviso pubblico del Comune di Brindisi nell’ambito del progetto “Vivere nei Parchi – PugliA.M.I.C.A.” (Attività Motoria Integrata Cultura Ambiente) promosso e finanziato dalla Regione Puglia.

Lo scopo dell’iniziativa ad ampio respiro è il miglioramento delle condizioni di vita e di salute degli utenti attraverso lo svolgimento di attività ricreative, sportive ed esperienziali all’aria aperta all’interno dei parchi nazionali e regionali pugliesi come Torre Guaceto, Riserva Naturale dello Stato e Area Marina Protetta.

LEGGI ANCHE: Bioparco. I reati ambientali in mostra a Roma

Le attività di “Vivere nei parchi” si svolgono ogni giovedì e sabato, sono partite a maggio e andranno avanti fino a ottobre, anche nel 2018, con una pausa estiva nel mese di agosto.

LEGGI ANCHE: Legge parchi, insorgono le associazioni

Articoli correlati