Visioni di città a Reggio Calabria

Visioni di città sostenibili in cui centrale sia il benessere dei cittadini? Non è solo idealismo, ma è quanto domani sarà affrontato in un convegno a Reggio Calabria.

Domani pomeriggio alle 16.00 si svolgerà, nel Palazzo Campanella a Reggio Calabria, il convegno Visioni di città tra spazi collettivi e luoghi dell’anima. L’evento, realizzato con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio Regionale della Calabria, avrà luogo all’interno della giornata nazionale degli psicologi “Persone e Relazioni”, e vuole porsi come uno spazio di riflessione e confronto tra gli esperti e chiunque sia interessato, in vari modi e approcci metodologici, al tema del benessere dei cittadini all’interno delle città.

Il tema delle città è un tema fondamentale, soprattutto se si considera che entro il 2050 l’80% della popolazione mondiale abiterà in aree urbane; la creazione di città che siano smart e sostenibili è anche uno dei 17 SDG (precisamente l’undicesimo). Proprio per questo è importante che il processo di urbanizzazione  sia pensato in maniera sostenibile e tenga conto della qualità della vita e del benessere degli abitanti, a livello sociale e psicologico. Da qui, dunque, l’incontro con il settore della psicologia, e la spiegazione del contesto dell’evento: l’urbanizzazione riguarda sì in primo luogo architetti e ingegneri, ma non si può trascurare il notevole contributo della psicologia comportamentale e ambientale nel creare contesti e visioni sostenibili per quella città del futuro.

visioni
Visioni di città tra spazi collettivi e luoghi dell’anima: la locandina dell’evento

Leggiamo a tal proposito sul comunicato stampa dell’evento: «Un nuovo rapporto tra potere e bellezza, tra collettivo ed individuale, tra distanza spaziale e distanza interpersonale si impone, per rigenerare gli spazi pubblici formali ed informali della democrazia con nuovi scenari creativi e psicologicamente confortevoli. Le città resilienti, come nuove dimensioni spaziali della capacità di sopportare e reagire ai mutamenti, sono anche le istanze della contemporanea condizione per vivere gli spazi quali nuovi contesti fisici e psicologici, in cui è necessario un ritrovato comportamento collettivo ed individuale, tra reale e virtuale».

Durante il pomeriggio sono previsti interventi dell’architetto Consuelo Nava (esperta in progettazione sostenibile e docente presso l’Università degli Studi Mediterranea – Reggio Calabria), del Prof. Maurizio Carta (urbanista, esperto in città creative), dello psichiatra Gianni Malara, del sociologo Carlo Colloca, e del Dott. Fortunato Campolo, Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Calabria.

Qui il programma del convegno: visioni di citta tra spazi collettivi e luoghi dell’anima_programma

Al convegno parteciperà l’Associazione Culturale Pensando Meridiano: un “Laboratorio Permanente di Cultura Sostenibile, Innovazione e Coesione Sociale” nato nella Provincia di Reggio Calabria e ora esteso a tutta la Calabria e alla Sicilia; a farne parte sono tutti giovani al di sotto dei 35 anni che puntano, tramite azioni sul territorio e le città, a stimolare la partecipazione attiva della società alle tematiche della sostenibilità e del recupero. In occasione del convegno, gli esponenti del Laboratorio presenteranno il loro nuovo progetto #LearningCity, un “progetto di innovazione sociale urbana e tecnologie abilitanti” che Pensando Meridiano metterà in azione attraverso le sue tattiche di making, integrando le tecnologie digitali agli spazi urbani di condivisione con le comunità. Il progetto sarà portato avanti in collaborazione con ETT solutions (società internazionale leader sui temi del #peopleAndTechnology, mixed reality, digital knowledge).

Articoli correlati