Vetro al top per una buona raccolta differenziata, anche in vacanza

La raccolta differenziata non va in vacanza. Il vetro è un materiale che può essere riciclato, al 100%, infinite volte. I consigli di Coreve

Agosto, vetro mio non ti conosco!, si potrebbe dire parafrasando un celebre proverbio che inneggia alle “dimenticanze “ coniugali.  Invece no, agosto più che mai bisogna ricordare, e ricordare che sia se restiamo in città, sia se partiamo in vacanza, le regole per un corretto smaltimento dei rifiuti vanno rispettate.

riciclo vetroCerto, ci aiuta la sempre maggiore consapevolezza che noi in prima persona siamo i protagonisti della salvaguardia dell’ambiente, a cominciare dai piccoli gesti. Secondo un recente studio Ipsos il tema dell’ecologia è ormai una consapevolezza per la maggior parte delle persone, e lo dimostrano e le numerose iniziative prese nelle località turistiche dai comuni o da esercizi commerciali, alberghi ristoranti, ecc. che rispondono positivamente alle nuove esigenze dei viaggiatori, scegliendo materiali totalmente riciclabili ed ecocompatibili.Tra questi materiali un posto d’onore e lo conquista il vetro.

LEGGI ANCHE: La Raccolta rifiuti non va in vacanza: dal Jova beach party ai plastic radar

Agli italiani il vetro piace

Da uno studio  del Censis veniamo così a sapere che per 28 milioni di Italiani il vetro è il materiale “amico dell’ambiente” per eccellenza, «che può essere riciclato al 100%, all’infinito, senza alcuna perdita di materia o scadimento qualitativo. Quasi 8 imballaggi in vetro su 10 utilizzati quotidianamente in Italia sono riciclati» dichiara Gianni Scotti – Presidente del CoReVe  – Consorzio recupero vetro

In Europa nel 2018 gli italiani si sono distinti proprio per la raccolta e il riciclo degli imballaggi in vetro. L’eccezionale sviluppo della raccolta differenziata (+8,4%) è stato accompagnato da un aumento delle quantità riciclate (+6,6%) più contenuto. Segno evidente che gli italiani sono dei buoni “riciclatori”, ma che si può e si deve fare meglio, soprattutto per quanto riguarda la qualità del materiale raccolto. Anche in vacanza.

LEGGI ANCHE: Raccolta differenziata: i consigli per non sbagliare

Per ridurre il nostro impatto ambientale anche d’estate, il consiglio è quello di non contribuire ad aumentare la produzione dei rifiuti nelle località turistiche e contestualmente anche il rischio di conferimenti non corretti.

Ma quali sono le regole per una corretta raccolta dei rifiuti d’imballaggio anche in vacanza? Eccole direttamente da Coreve.

Poche regole e il vetro non è più un rifiuto

  1. Prima di tutto dobbiamo informarci e seguire le regole per la raccolta differenziata della località in cui ci rechiamo in vacanza. Ogni Comune è autonomo nella scelta.
  2. Per una raccolta differenziata del vetro efficace ed efficiente bisogna conferire, nella campana o nei contenitori dedicati a questo materiale, solo bottiglie e vasetti in vetro;

    vetro rifiuti birra
    Mai lasciare bottiglie di vetro e rifiuti vari dove ci capita
  3. Prima di buttarli via, ricordiamoci di: svuotare bottiglie e vasetti da eventuali residui alimentari e togliere gli accessori dell’imballaggio costituiti da materiali diversi dal vetro (ad esempio: tappi metallici, collarini, sleeves, etc) facilmente rimuovibili;
  4. Il sacchetto di plastica o di altro materiale, che utilizziamo per portare il vetro fino alla campana o ad altro contenitore dedicato, non va assolutamente gettato insieme ai rifiuti di imballaggio in vetro;
  5. Occhio infine ai “falsi amici”: materiali simili o assimilati al vetro di bottiglie e vasetti, che compromettono la raccolta e il riciclo dei rifiuti di imballaggio in vetro: bicchieri e oggetti di cristallo, ceramica, porcellana e pyrex, i più dannosi. Questi materiali vanno infatti gettati nella raccolta indifferenziata o portati all’isola ecologica, per il loro recupero tra gli inerti.

Articoli correlati