Verdi d’Europa uniti contro la TAV

lavori tav torino lione

Gli ecologisti francesi hanno invitato i Verdi italiani a Parigi per denunciare assieme come il progetto ferroviario Lione-Torino (la TAV), sia  un costoso e inutile problema europeo, che i Verdi di entrambi i lati delle Alpi vogliono fermare.

Anche gli ecologisti d’oltrAlpe infatti sono pronti a dichiarare apertamente la propria opposizione al tunnel della Valsusa e denunciare come il necessario potenziamento delle ferrovie non significhi scavare tunnel, ma investire nel potenziamento tecnologico delle reti e dei nodi già esistenti e lavorare su politiche che incentivino il trasporto internazionale delle merci su rotaia. «Al contrario, in Italia – sostiene il partito dei Verdi europeo – il Governo continua a sostenere l’autotrasporto su strada con incentivi reali (250mln di euro per il 2015, nella Legge di stabilità 2015) e così il traffico merci su ferrovia è in costante diminuzione. La redditività socio-economica del progetto Lione-Torino è stata fortemente contestata dalla Corte dei conti francese, oltre che da numerosi studi italiani. Eppure entrambi i governi, assieme alla Commissione UE, si ostinano a non prendere in considerazione queste posizioni che a noi sembrano di buon senso».

Sempre secondo i verdi europei il finanziamento da parte dell’UE del 40% del progetto, inoltre, non è garantito: il bilancio dell’Unione Europea per le grandi infrastrutture è limitato e il progetto dovrà essere presentato entro il 27 febbraio secondo criteri ambientali e trasportistici molto più stringenti che in passato. A ciò si aggiunge che il dossier Lione-Torino è stato messo ulteriormente in discussione a seguito della rivelazione di conflitti di interesse da entrambi i lati delle Alpi e la presenza, certificata dai magistrati italiani, di subappaltatori legati alla mafia, nel cantiere italiano de La Maddalena. Una situazione destinata a peggiorare visto che in Francia non esiste una legge contro la mafia.

Proprio per proporre soluzioni concrete per rafforzare la linea ferroviaria e per migliorare la mobilità, per la tutela dell’aria e per la salvaguardia della salute dei cittadini nelle Alpi i verdi francesi organizzano una conferenza stampa lunedì 19 gennaio 2015 alle ore 11,30, a Parigi nella  Sala « 1er Bureau » – Assemblée Nationale –  126 rue de l’Université 75007. Partecipano:        Emmanuelle COSSE, Segretario nazionale di Europe Ecologie Les Verts; François-Michel LAMBERT, Deputato ecologista di Bocche del Rodano;   Michèle RIVASI, Eurodeputata Verde;   Karima DELLI, Eurodeputata Verde e coordinatrice della commissione trasporti al PE;      Monica FRASSONI, Copresidente del Partito Verde Europeo; Jean Charles KOHLHAAS, consigliere regionale ecologista e presidente della commissione trasporti del Consiglio regionale di Rhône-Alpes;  Daniel IBANEZ, membro del coordinamento di opposizione alla Lione-Torino.

Articoli correlati