Input your search keywords and press Enter.

Vento in poppa per la Sicilia

Il parco eolico di Alcamo

Un sito sull’energia idroelettrica, un portale per le scuole con cui “conoscere il mondo dell’energia è un gioco da ragazzi”, sette percorsi multimediali sul gas naturale e una web-visita alla centrale termoelettrica di Livorno Ferraris. Si presenta così online E.ON, uno tra i più grandi gruppi energetici al mondo a capitale interamente privato, con oltre 85mila dipendenti, in 30 paesi. Nato nel 2000 dalla fusione di Veba e Viag, oggi può contare oltre 26 milioni di clienti e un fatturato 2010 di circa 92,9 miliardi di euro, posizionandosi tra gli operatori leader nel mercato dell’energia e del gas in Italia. Ecco allora che l’inaugurazione di fine febbraio, di un parco eolico ad Alcamo, in provincia di Trapani nella bellissima Sicilia, ben si inserisce nel contesto dell’operato e della mission del gruppo che opera in Italia in linea con la strategia di sostenibilità ambientale, denominata Cleaner & better energy, applicata all’intera filiera energetica con misure e soluzioni volte all’efficienza e al risparmio dei consumi.

Formato da 16 aerogeneratori della potenza di 2 MW ciascuno, con una capacità complessiva pari a 32 MW e una produzione annua di 74 GWh, il parco sarà in grado di soddisfare il fabbisogno di energia elettrica di 25mila nuclei familiari. Alla sua realizzazione hanno lavorato oltre 45 ditte, in prevalenza locali, con una media di 80 persone al giorno ed il parco è stato completato in soli 9 mesi, circa la metà del tempo rispetto alla media di costruzione di impianti di queste dimensioni.

Alcamo - Il taglio del nastro all'inaugurazione del parco eolico

Oltre ad Alcamo, E.ON ha altri due parchi eolici sull’isola: un impianto a Vizzini, in provincia di Catania, che conta 24 MW, e un altro parco eolico a Santa Ninfa, in provincia di Trapani, della capacità di 32 MW. La Sicilia, con 88 MW di potenza eolica installata, è la seconda Regione di E.ON in Italia. «Si tratta del nostro decimo parco eolico in Italia, ove il Gruppo opera attualmente come primario operatore in molte regioni – ha dichiarato Miguel Antoñanzas, Presidente e Amministratore Delegato di E.ON Italia – Proprio l’Italia rappresenta un mercato strategico per il nostro gruppo nello sviluppo delle rinnovabili, collocandosi al secondo posto per capacità eolica onshore, subito dopo la Spagna con circa 380 MW in funzione».

Al livello globale, E.ON opera nello sviluppo delle rinnovabili in 11 Paesi, in Europa e negli Stati Uniti, con impianti da fonte eolica solare e da biomasse. In quattro anni ha aumentato la capacità da fonte pulita di oltre 6 volte: da oltre 600 MW di fine 2007 a circa 3,8 GW attuali, investendo globalmente in questo settore circa 7 miliardi di euro negli ultimi 5 anni e ulteriori 7 miliardi previsti nelle rinnovabili per i prossimi 5 anni. E, proprio in Sicilia, infatti, E.ON sostiene iniziative territoriali, promuovendo attività culturali e sportive e contribuisce al recupero e alla manutenzione del patrimonio locale. Nello specifico, a Trapani, gestisce inoltre una centrale considerata “essenziale” per il sistema elettrico nazionale dov’è in corso un progetto di rinnovamento per adattare l’impianto alle Best Available Technologies. Una volta completato il piano di ammodernamento, la centrale godrà dell’aumento dell’efficienza e della considerevole riduzione delle emissioni, fornendo maggiore stabilità alla rete elettrica.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *