Venezia premia i turisti virtuosi con Thanks

L'azione di sabato 9 dicembre a Venezia, dove Extinction Rebellion ha tinto di verde le acque del Canal Grande

Una App, una guida turistica smart che crea in tempo reale itinerari alternativi, guide audio aggiornate e premia chi è sostenibile

 

Dal 25 aprile entra in vigore a Venezia il ticket d’ingresso per entrare in città e visitarla. Ma insieme a questa novità, che potrebbe far storcere il naso a molti turisti, arriva un progetto rivoluzionario. Si chiama «Thanks» ed è un’App che rappresenta un passo importante per risolvere uno dei problemi più pressanti che affligge una fra le più conosciute e amate città al mondo: l’overtourism.

Negli ultimi anni, il sovraffollamento turistico ha messo infatti a dura prova la sostenibilità ambientale, economica e sociale di Venezia: le calli sono spesso invase da flussi turistici che hanno reso invivibili alcune zone della città, mentre altre, altrettanto affascinanti, rimangono spesso deserte. Questo ha un impatto negativo non solo sulla città e sull’ambiente, ma anche sulla vitalità del micro-commercio e sull’esperienza turistica.

L’apprezzamento del Comune di Venezia

“In qualità di assessore al commercio di Venezia – dichiara Sebastiano Costalonga – sono entusiasta di vedere come «Thanks» stia promuovendo non solo un turismo sostenibile e responsabile, ma anche un’economia locale vibrante. L’App incentiva gli utenti a sostenere negozi autentici, strutture ricettive locali situate nelle periferie e zone poco conosciute di Venezia, al di fuori dai flussi turistici di massa, contribuendo così a preservare l’identità e la vitalità della nostra comunità. Grazie a iniziative come «Thanks» – sostiene Costalonga – Venezia può continuare a prosperare come una destinazione turistica unica e autentica, offrendo esperienze memorabili ai visitatori provenienti da tutto il mondo, facendo conoscere loro luoghi nascosti e poco conosciuti di Venezia e apportando di conseguenza un contributo economico alle attività produttive che decideranno di aderire al progetto.”

Come funziona «Thanks»

Foto di Ingeborg Gärtner-Grein da Pixabay

“Tutti noi – spiega Roberto Corvaglia creatore di Thanks – produciamo costantemente tracce digitali andando ad alimentare i cosiddetti Big Data. Lo fanno anche i turisti ed allora perché non usare questi dati per ridurre le congestioni che tanto danneggiano le nostre località turistiche? Grazie all’Intelligenza Artificiale, «Thanks» è così in grado di analizzare i dati per generare soluzioni pratiche in tempo reale. Percorsi alternativi per diluire la presenza turistica e minimizzare lo stress fisico prodotto dalle congestioni.”.

Ogni nuovo itinerario creato tiene conto di tutti quelli precedenti e, se presenti di informazioni provenienti da altre fonti (celle telefoniche, sensori, ecc). Il turista che segue l’itinerario preparato per lui, ad ogni tappa ottiene dei Thanks (gettoni virtuali, con tecnologia blockchain) come ringraziamento per aver contribuito alla gestione del traffico in città. Il turista che spende in un negozio convenzionato può, scattando semplicemente una foto allo scontrino di acquisto con l’App, ottenere 1 Thanks per ogni € speso, ma “può ottenere Thanks – precisa Corvaglia – anche caricando la foto del ticket di ingresso della città, come a volerlo ringraziare per aver compreso la necessità di fare qualcosa per Venezia. Con Thanks, ogni comportamento virtuoso dà luogo a dei veri e propri ringraziamenti digitali.”.

Il team

Il team che ha dato vita all’App ed al progetto «Thanks» è composto da Roberto Corvaglia, 51 anni, CEO, con diploma in informatica e esperienza di oltre 10 anni nell’ambito startup, greentech prima e digital poi. Luca Benedetti, 23 anni, COO, con laurea allo IED di Milano, esperto in strategie di crescita e digital. Mauro Corvaglia, 33 anni, CMO con laurea magistrale in marketing presso Università degli Studi di Pesaro Urbino e Kevin Iuretig, 30 anni, CTO, Full stack developer con decennale esperienza. Advisor del progetto è Edoardo Colombo, uno dei maggiori esperti a livello nazionale di turismo ed innovazione. Già Consulente del Ministero del Turismo, attualmente ricopre il ruolo di Advisor di imprese e istituzioni legate alle tematiche della trasformazione digitale nel turismo.

L’App è già disponibile presso Play Store e su App Store ed è gratuita e verrà presentata ufficialmente durante l’evento delle Junior Enterprise che si terrà a Venezia dal 3 al 5 Maggio, davanti ad oltre 200 studenti provenienti da 36 Università Italiane, da dove partirà la vera e propria sperimentazione.

Articoli correlati