Input your search keywords and press Enter.

Vendita spiagge: corrispettivo per enti locali

Un decreto del ministero dell’Economia determinerà ”il corrispettivo” del diritto di superficie delle spiagge. Lo si legge nella relazione tecnica che accompagna il decreto legge-sviluppo, pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Le edificazioni esistenti, relizzate sulla spiaggia «possono essere mantenute esclusivamente in regime di diritto di superficie, per il quale viene istituito l’obbligo del pagamento di un corrispettivo annuo determinato dalla Agenzia del demanio». Le risorse così percepite andranno a confluire «in un fondo costituito presso il Ministero dell’Economia, per essere annualmente ripartite in quote in favore della regione interessata, dei comuni interessati, dei distretti dell’erario».

Intanto dal Governo è manifestata incredulità per tanta polemica alimentata dall’idea di vendere le nostre coste. «Per lo sviluppo abbiamo fatto un decreto l’altro giorno ed è per certo un aspetto pittoresco quanta attenzione sia stata data al tema delle spiagge. E ora posso dire che delle spiagge non me ne frega un tubo», ha dichiarato il ministro dell’Economia Giulio Tremonti, ribadendo invece l’importanza dei «distretti turistici, che sono fondamentali per il paese». Il ministro dovrebbe invece preoccuparsi delle spiagge secondo WWF e FAI «visto i pochi soldi che lo Stato incassa per le concessioni demaniali e vista l’altissima evasione fiscale degli stabilimenti balneari», fanno sapere le due associazioni in una nota congiunta.

Print Friendly, PDF & Email