Input your search keywords and press Enter.

Velaki: doppia accezione per un incontro con lo skipper Fabrizio Cillo

Insieme in barca a Vela è nato dalla sinergia della fondazione “Carlo Valente” onlus con l’associazione “Velaki” in tandem con il Centro di Salute Mentale di Monopoli e Polignano. «L’obiettivo è quello di sviluppare nei partecipanti il senso di cooperazione e di responsabilità attraverso il superamento delle difficoltà di condivisione di uno spazio limitato come quello di un’imbarcazione da diporto. La barca diventa così un acceleratore sociale, un moltiplicatore delle dinamiche di gruppo e si avvicina alla terapia e al senso di integrazione. Estendendo il suo campo all’handicap psichico. Così il mare diventa un linguaggio in cui le parole sono i sensi: “sentire” il vento e dargli la forma di una vela e veleggiare diventa un’immersione totale nella natura».

Lo skipper Fabrizio Cillo

Chi ne parla è Fabrizio Cillo, master Reiki, skipper, personaggio proteso da sempre alla costante creazione di una sintesi fra tutte le sue esperienze di ricercatore di verità nel mondo. Nel 2000 ha unito il suo grande amore per il mare dando vita al progetto Velaki well-being sailing, recentemente questo di velaterapia. «Non tutti i ruoli richiedono agilità e forza. E difatti opportuni accorgimenti rendono accessibile lo sport della vela a vari tipi di handicap: non c’è mai una partecipazione passiva –  Fabrizio Cillo spiega così il concept del progetto- proprio per la globalità dell’esperienza intesa sia in termini sensoriali sia in termini di relazione. È dimostrato (nel lavoro di aiuto sociale svolto nell’ultimo decennio) che i vantaggi ricevuti da persone diversamente abili su un’imbarcazione a vela sono stati straordinariamente validi e di forte impatto terapeutico. Il veleggiare in equilibrio con gli elementi naturali, crea una spontanea rigenerazione sul piano psicofisico. La vela per l’handicap -prosegue Cillo- può sembrare quasi una provocazione, una prova straordinaria per superare il disagio, in realtà è un tentativo per raggiungere la normalità attraverso un’impresa fuori dal comune».

Velaki well-being sailing è il nome del progetto che vuole curare il disagio psichico attraverso un rapporto nuovo col mare

Però Fabrizio Cillo, in alternativa, lancia anche l’idea per una vacanza rivolta al “ben essere”. Lo fa ormai da anni sotto forma di aiuto a ristabilire il nostro equilibrio. Come? Veleggiando tra le isole del Mar Ionio Greco, assaporando i profumi, la luce, ogni volta guidando gli ospiti a visitare angoli incontaminati. Qui è evidente il contrasto tra il verde della vegetazione, il blu profondo del mare. In più, ad affiancare i momenti di totale relax, l’avvicendamento di corsi, a più livelli, di meditazione. Volto all’ascolto di noi stessi. Cura straordinaria per sciogliere i nostri blocchi energetici, quelli in pratica che ostruiscono le vie necessarie per vivere nel presente. Facendoci scoprire il nostro “soffio vitale”. Non solo: a bordo, oltre ad una particolare attenzione per l’alimentazione, rigorosamente a base di prodotti biologici, gli ospiti sportivi potranno anche collaborare alla conduzione della barca: si tratta di apprendere le prime nozioni pratiche o per i più esperti di perfezionamento delle tecniche di navigazione a vela costiera e d’altura. Info: www.velaki.com.

L'imbarcazione di Cillo approda sulle spiagge dell'isola di Cefalonia

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *