Input your search keywords and press Enter.

Vallone Porto: un libro per difendere l’ambiente

Conoscere la biodiversità per tutelarla. Muove da questo intento la pubblicazione del WWF sul Vallone Porto di Positano, presentata nell’ambito dell’evento nazionale a Città della Scienza di Napoli. «Il WWF Italia con questo volume, prodotto grazie ad un finanziamento ottenuto con la misura 323 del PSR Campania 2007-2013 – spiega Andrea Fienga, consigliere WWF Campania – vuole fornire al pubblico una guida illustrativa delle principali componenti biologiche e delle caratteristiche ambientali di questo Vallone con l’obiettivo di stimolare la conoscenza e la protezione di un ambiente così importante». Situato in Costiera Amalfitana nel comune di Positano (Sa), Il Vallone Porto rappresenta un catalogo a cielo aperto di biodiversità, per la richhezza di specie sia animali che vegetali. Un luogo tanto importante che, oltre a essere inglobato all’interno del Parco regionale dei Monti Lattari, è stata inserita all’interno di un’area SIC (Sito di Importanza Comunitaria). Non molto tempo fa nella stessa zona si è tentato direalizzare un progetto di cementificazione che avrebbe compromesso il delicato equilibrio di quell’habitat. Allora, ad impedire l’intervento, si sono mobilitati l’Associazione WWF Penisola Sorrentina, il WWF Campania assieme ad alcune associazioni locali. Da qui la necessità di diffondere la conoscenza del Vallone Porto, per impedire il ripresentarsi di situazioni analoghe. «Il WWF è fermamente convinto che la prima vera attività di conservazione e tutela sia costituita proprio dalla sensibilizzazione e conoscenza del patrimonio naturale – dichiara Giovanni La Magna, coordinatore del progetto – . Solo in questa maniera si riesce a favorire il processo di riappropriazione e riconoscimento del proprio territorio come bene comune che renda i cittadini i primi custodi di questi ambienti così unici quanto sempre più rari».

Print Friendly, PDF & Email