Vacanze indimenticabili, solo se sono sostenibili e green…

Glamping, vacanze tra natura e lusso

Sono hotel ecofriendly, che sposano una filosofia green dove vivere momenti di relax e svago nel rispetto dell’ambiente e della natura

 

Strutture ricettive e aree turistiche ecofriendly che contribuiscono a ridurre l’impatto ambientale e offrono esperienze uniche per una vacanza indimenticabile. Alla base c’è bioedilizia, energie rinnovabili, emissioni zero, riuso, per una vacanza speciale in luoghi straordinari e strutture di charme.

OLM – Render Panoramica

In Valle Aurina (BZ), è nato OLM-Nature Escape, il primo eco-aparthotel sostenibile dell’Alto Adige/Südtirol basato sul ciclo della natura e fondato sulla valorizzazione dell’ambiente, la promozione del territorio e l’utilizzo di materiali naturali del posto quali il legno, le fibre naturali e la pietra, nel totale rispetto della natura. Sul tetto sono posizionati 1200 pannelli fotovoltaici, sul terreno adiacente alla costruzione sono state installate 126 sonde geotermiche che scambiano calore con il suolo. Anche gli spostamenti sono green con i veicoli elettrici, mettendo a disposizione degli ospiti e-bike, e-quad e 5 postazioni per il caricamento di auto elettriche.

Laghi Nabi è la prima Oasi Naturale della Campania, nata dalla rigenerazione ambientale di ex cave di sabbia in stato di abbandono sul Litorale Domizio (CE). Accanto si trova anche la struttura alberghiera a 4 stelle Plana Resort & SPA,  il tutto circondato da un paesaggio che invita a vivere al meglio l’oasi, fra passeggiate a bordo lago ed escursioni in bicicletta: al calar della sera la pista ciclabile a luminescenza naturale più lunga d’Europa (un chilometro e mezzo) si accende, realizzata sui principi di economia circolare, con pietre che catturano naturalmente la luce del sole sprigionandola poi di notte e risparmiando energia.

Castel del Giudice – Borgotufi di sera – Credit Emanuele Scocchera

Tutto parla di sostenibilità e rispetto dell’ambiente nell’albergo diffuso Borgotufi di Castel del Giudice (IS), sull’Appennino molisano, nato con lo scopo di far rivivere un luogo che altrimenti sarebbe stato destinato allo spopolamento. Un antico borgo che oggi ha un cuore pulsante green. Tutto intorno un panorama mozzafiato dove si coltivano, senza pesticidi, mele biologiche Melise, in un terreno prima in completo abbandono. E dove invece oggi ronzano anche le api del 1° Apiario di Comunità d’Italia. Non solo, tutto intorno ci sono le coltivazioni di piante di luppolo e orzo del nuovo microbirrificio Maltolento. Borgortufi è anche un luogo anti spreco alimentare: è stato stilato un Piano del Cibo di Castel del Giudice, una food policy, non solo per ridurre lo spreco ma anche restituire altri terreni all’agricoltura biologica e promuovere la salvaguardia ambientale come stimolo all’economia locale.

Le Dolomiti – Patrimonio Unesco dal 2009- Foto di kordula vahle da Pixabay

Vista mozzafiato sulle Dolomiti, camere di design, una spa panoramica adults only e la piscina infinity pool: il Dolomites Lodge dell’Excelsior Dolomites Life Resort di San Vigilio di Marebbe (BZ) si fregia della prestigiosa certificazione GSTC (Global Sustainable Tourism Council) e del marchio “Sostenibilità Alto Adige” e appena premiato con il 2° posto nella categoria “Sustainable Tourism Pioneers” all’Hotel Sustainability Award 2023, l’Oscar della sostenibilità nel settore alberghiero. Tutto parla di ecosostenibilità: materiali naturali, tra cui pietra, legno, ferro e vetro; l’impianto di cogenerazione produce parte dell’energia elettrica, contribuendo a risparmiare circa il 20% di energia. Ma non solo: la piscina panoramica con vasca in poliuretano consuma il 30% in meno rispetto a quelle in acciaio o di cemento. Grande è l’attenzione alla mobilità sostenibile: lasciata l’auto in garage, ci si sposta sugli sci – l’hotel è sulle piste del Plan de Corones e del Sellaronda –  e si possono utilizzare i mezzi pubblici gratuiti per tutta la regione. Ogni settimana ciaspolate ed escursioni guidate e ski safari guidati dai padroni di casa e dalle guide alpine.

Skyview Chalet – Inverno (4)

Il lago di Dobbiaco è a pochi metri, le Dolomiti all’orizzonte: gli Skyview Chalets del Camping Toblacher See (BZ), sono cubi di vetro nascosti nel bosco, realizzati con materiale sostenibile (vetro e legno) con la collaborazione di aziende del luogo, e per la loro costruzione non è stato abbattuto un solo albero. Il tetto si trasforma in una vetrata per ammirare il paesaggio e le stelle. Anche la produzione di energia è totalmente green grazie ad un impianto di cippato. Rispetto dell’ambiente e prodotti a km 0 sono il mantra della cucina: le colazioni sono a base di prodotti biologici locali, mentre l’acqua sorgiva di montagna delle Dolomiti è una delle migliori della zona.

Biohotel Steineggerhof in Val d’Ega (14) – copyright Bosch eBike Systems Mattias Fredriksson

Per il suo impegno nel campo della sostenibilità, la Val d’Ega ha ricevuto dal Global Sustainable Tourism Council (GSTC), prestigioso riconoscimento internazionale diventando nel 2022 una delle 5 regioni italiane a ottenere la certificazione.  L’offerta di vacanza viene sviluppata secondo parametri che ne valutano l’impatto economico (profitto), ambientale (pianeta) e sociale (persone): in questo senso devono essere lette le iniziative sul tema dell’energia verde e la Val d’Ega lo ha fatto aderendo anche a “Turn to zero”, finalizzata a promuovere l’adozione del risparmio energetico, volte all’azzeramento o la riduzione delle emissioni di CO2.

Articoli correlati