Vacanze estive: agli italiani piace l’ en plein air (anche senza bonus vacanze)

La pandemia Covid-19 non ha spento la voglia degli italiani di andare in vacanza. Mare, montagna o campagna l’importante è stare all’aria aperta. E se c’è il bonus vacanze…

Toglietegli (quasi) tutto, ma non le vacanze estive. Quest’anno, le ferie dell’italico popolo saranno più brevi e possibilmente più vicine a casa. L’idea di promuovere un turismo di prossimità piace a molte categorie, come quella dei camperisti, dei campeggiatori e dei villaggi vacanze. In generale, sarà il turismo en plein air a registrare molte presenze. Dai monti al mare, dalla campagna ai laghi alle città d’arte. Parola d’ordine è: restare in Italia. In aiuto dei vacanzieri arriva il bonus vacanze promosso dal Governo Italiano nel Decreto Rilancio.

Cos’è il bonus vacanze

Il Decreto Rilancio ha introdotto il bonus vacanze come misura per aiutare il settore del turismo, danneggiato gravemente dall’emergenza Covid-19. Per poterne fruire, le famiglie devono avere un Isee non superiore a 40mila euro. In base ai componenti del nucleo familiare, il bonus varia da un minimo di 150 euro ad un massimo di 500 euro. Può richiederlo un solo membro a famiglia. Hotel, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e bed & breakfast italiani possono accettare o meno il bonus. Vista la non obbligatorietà, i cittadini devono preventivamente informarsi contattando le strutture ricettive, chiedendo se verrà riconosciuto o meno il bonus. Fatto ciò, bisogna  richiedere il benefit sull’App IO. Il richiedente deve essere in possesso di un’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o CIE 3.0 (Carta d’Identita Elettonica), essendo il bonus erogato esclusivamente in forma digitale.

Vacanze in campeggio

Sul sito camping.it è possibile vedere quali campeggi accettano il bonus vacanze. Attraverso una ricerca per filtri è possibile scegliere la propria destinazione in tutta Italia. Ampi spazi e contatto con la natura e l’aria aperta sono caratteristiche distintive di chi offre un servizio camping. Il distanziamento sociale e la paura di contagio sono ancora fantasmi che molti italiani non riescono a dimenticare. Sicuramente, è questa un’opzione da valutare sia per la sicurezza che offre sia per la possibilità di staccare dal consueto tran tran cittadino. Dopo mesi di lockdown forzato un po’d’aria buona può sicuramente rigenerare l’animo di chiunque.

In viaggio col camper, soprattutto in Puglia

La community Camperisti Italiani propone invece di andare in vacanza in camper. Il portale, che conta oltre 105mila iscritti, ha lanciato nei giorni scorsi un sondaggio per chiedere ai camperisti dove avrebbero passato le loro vacanze estive. L’89% ha scelto l’Italia. Le mete più ambite: Puglia e Sicilia, seguite da Sardegna, Calabria, Toscana, Abruzzo, Marche e le Dolomiti. Per chi ha uno spirito on the road l’idea di affittare un camper potrebbe essere una buona soluzione, che unirebbe l’utile (l’andare in vacanza) al dilettevole (scoprire l’Italia più nascosta, quella meno battuta dal turismo di massa). Sopratutto, in tempi di distanziamento sociale, offrirebbe un riparo sicuro a coloro che non hanno ancora molta voglia di condividere con il prossimo il proprio spazio vitale.

LEGGI ANCHE: “Otranto, Sicuramente”. Videospot e piano dettagliato per accogliere i turisti

Vacanze in bicicletta

La piattaforma made in Italy Rent&Fit propone di noleggiare una bicicletta e partire all’avventura. Un modo sicuramente sostenibile di fare una vacanza, adatto a tutte le età. Sempre più italiani viaggiano in bici o la usano per i loro spostamenti quotidiani. Che sia una e-bike, una tradizionale “Graziella” o una mountain bike l’importante è pedalare per salvaguardare ambiente, salute e forma fisica. La piattaforma mette in contatto i noleggiatori di biciclette selezionati e utenti. Questo consente anche a chi non ha una bicicletta oppure non ne ha una adatta per percorrere un certo tragitto, di noleggiarne una due ruote per un il tempo necessario. Il servizio è già attivo in Trentino Alto Adige, Lombardia e Veneto che insieme intercettano oltre il 50% del movimento cicloturistico in Italia. Anche in questo caso, il bonus vacanze potrebbe fare comodo agli appassionati della bicicletta. Molte strutture ricettive, infatti, hanno la possibilità di ospitare il mezzo e mettere a disposizione degli ospiti anche una ciclofficina.

Articoli correlati