Input your search keywords and press Enter.

UPS registra la riduzione delle emissioni di gas serra‏

L’operatore logistico UPS annuncia di aver registrato una riduzione delle emissioni di gas serra (GHG), nonostante l’aumento del numero dei pacchi consegnati nel 2012. I successi in termini di tutela dell’ambiente sono stati raggiunti grazie al risparmio di carburante per il trasporto via terra e via aerea, l’aumento degli investimenti in veicoli a combustibile alternativo e una riorganizzazione dei percorsi che ha permesso di ridurre di circa 19,5 milioni di chilometri le tratte per le consegne su strada.

«UPS ha fissato un nuovo obiettivo per l’utilizzo di combustibili alternativi – ha detto David Abney, chief operating officer di UPS – Entro il 2017, l’azienda mira a percorrere 1,6 miliardi di chilometri (1 miliardo di miglia) con combustibile alternativo e veicoli a tecnologia avanzata: più del doppio rispetto al precedente obiettivo di 400 milioni di miglia».

Uno dei capisaldi della strategia ambientale di UPS è quello di sostenere lo sviluppo e l’uso di carburanti alternativi a più basse emissioni. La flotta via terra è infatti responsabile del 35% delle emissioni di anidride carbonica di UPS.

L’azienda sta accelerando la sperimentazione, l’acquisto e la diffusione di veicoli di nuova generazione. La flotta comprende veicoli elettrici, ibridi elettrici (foto), ibridi idraulici, a gas naturale (GNL, gas naturale compresso), propano, biometano e veicoli leggeri con carrozzeria a materiale composito che fanno risparmiare carburante.

UPS Airlines, responsabile del 57% delle emissioni di anidride carbonica di UPS, ha ridotto l’uso di combustibile e la produzione di CO2 determinando un risparmio dell’1,3% del carburante rispetto all’anno precedente. Questo nonostante il volume di trasporto aereo sia aumentato del 4,8% nello stesso periodo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *