Input your search keywords and press Enter.

Una domenica di metà ottobre ricca di segnalazioni

L’entrata ufficiale dell’autunno non frena le iniziative. Una domenica, questa del 16 ottobre, in particolare ricca di appuntamenti. A Laterza (Taranto) segnaliamo che l’Associazione Arneotrek di Villaggio Boncore di Nardò propone un’escursione naturalistica e storico-culturale nel Parco delle Gravine di Laterza. Un originale quanto interessante decorso meandriforme che si sviluppa per dodici chilometri di lunghezza e di circa quattrocento metri di larghezza, tra muraglioni di roccia consumati dall’erosione e lisce pareti di calcare biancastro alte anche più di 200 metri, disseminate di innumerevoli cavità sospese nel vuoto. Il programma prevede un primo punto di ritrovo alle ore 8 presso la Stazione Ferroviaria di Salice Salentino e in alternativa un secondo alle 9.30 presso il Centro Visite della OASI LIPU site in Contrada da Selva San Vito, da dove inizia l’escursione. L’itinerario, di tipo turistico, è di facile percorrenza ed è di circa tredici chilometri. Il consiglio: da portare scarpe ed abbigliamento tecnico, zainetto contenente acqua, eventuale cappellino, pranzo al sacco, kit di primo soccorso una torcia, macchina fotografica. Info: www.arneotrek.it.

Masseria Scozia

E per gli amanti delle due ruote a Bovino (Foggia), sesto raduno cicloturistico e la quarta cronoscalata Bovino Scalo-Bovino lungo un percorso di sette chilometri. L’evento è organizzato dal Comune, dalla locale Pro Loco, dal Gruppo Sportivo Ginnysport Metanauto di Foggia e dalla Polisportiva Bovino. Entrambe le manifestazioni sono riservate agli iscritti alla Federazione Ciclistica Italiana. Info: Assessorato allo Sport Comune di Bovino 0881.65.01.47. Spostandoci invece verso Noci (Bari) – sempre questa domenica- viene riproposta dal Parco Letterario “Formiche di Puglia” la visita guidata alla scoperta delle più belle masserie della Murgia. Il tour si apre con la visita alla badia di Barsento e al tratturo medievale adiacente; i partecipanti rivivranno le storie delle antiche scorrerie e avranno modo di visitare i luoghi di rifugio dei banditi come la Grotta del Sapone e la Grotta della Madonna. Si prosegue, poi, con l’osservazione delle splendide Masseria Le Monache, Masseria Sorresso e Masseria Scozia. L’iniziativa rientra nel progetto Città Aperte 2011, promosso dall’Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia e dall’APT Bari. Info: 080.494.91.24.

Ricordiamo inoltre che l’Agenzia Puglia Imperiale Turismo, in collaborazione con la Direzione Regionale di Trenitalia e l’Associazione Treni Storici di Puglia Onlus, invita tutti questa domenica ad un viaggio nel tempo con il “Treno storico dell’archeologia e dell’ambiente in Puglia Imperiale“. A bordo dei dieci vagoni d’epoca messi a disposizione da Trenitalia, guide esperte accompagneranno i viaggiatori in un itinerario che si snoda dall’azzurro del mare Adriatico al verde della Murgia, facendo tappa in luoghi fitti di storia. Il lungo convoglio partirà da Taranto con tappe alle stazioni di Bari Centrale, Trani e Barletta, ed accoglierà i passeggeri proprio come avveniva una volta, facendoli sedere sui caratteristici sedili in legno e pelle degli antichi vagoni in stile liberty e avvolgendoli in atmosfere intense di emozioni . E senza dubbio le fermate più suggestive saranno: Canne della Battaglia, a scelta anche una tappa inedita a Canosa sotterranea, negli Ipogei fra le Tombe a Camera oppure Minervino, per una ricerca dei sapori autentici di questa terra accompagnati dagli eccellenti vini della zona di Castel del Monte. Non solo; c’è il borgo antico di Spinazzola con la mostra sul 150° dell’Unità d’Italia o meglio ancora, per gli sportivi, la “pedalata” in bicicletta nel Bosco di Acquatetta. Anche questa iniziativa fa parte del progetto regionale Città Aperte 2011. Info: numero verde 800.35.60.20; www.pugliaimperiale.com

Infine l’Associazione Ecosalento Turismo Sostenibile e la Fondazione Le Costantine indicono il corso-documentario Nu pizzicu de pizzica a cura della cantante e musicista Anna Cinzia Villani che illustrerà il percorso sull’origine e la diffusione dell’antica danza e di come alla musica, al movimento, ai gesti fossero affidati funzioni sociali ben precise. Durante lo stage oltre all’apprendimento dei passi più semplici su musiche originali, delle dinamiche di danza di coppia e dell’uso del fazzoletto nella pizzica pizzica, ci sarà la proiezione di filmati relativi alle tre modalità di danza scandite dal tamburello: la Pizzica pizzica (ballo ludico di coppia), la Pizzica tarantata (terapia musicale contro il morso della taranta) e la Pizzica scherma (duello mimato fra due contendenti). Info:www.lecostantine.eu. 

(Fonte: Portale ufficiale del turismo della Regione Puglia – www.viaggiareinpuglia.it).

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *