Input your search keywords and press Enter.

Un occhio al risparmio nella casa del futuro

Una vera rivoluzione per l’edilizia sostenibile: nella compravendita potrebbe essere inserito il certificato di effettivo consumo energetico dell’abitazione. Divenerebbe così più tranquillizzante acquistare una casa con la certezza dei suoi costi di mantenimento, testati e in più certificati con la garanzia che un eventuale sforamento, se non causato dall’imperizia del proprietario, sarebbe rimborsato dall’impresa costruttrice.

Uno schema di pompa di calore geotermica

Questo varrebbe a dire che la progettazione, anziché allinearsi con i requisiti minimi previsti dalle norme in materia di risparmio energetico, dovrebbe ottenere la massima prestazione possibile.

Si aprono nuovi scenari – Se questo documento verrà inserito nel contratto di comparavendita, il benessere interno della casa dev’essere garantito dalla ventilazione meccanica controllata, che assicura un continuo ricambio d’aria, mantenendo la stessa temperatura a qualsiasi altezza nelle stanze. Può così essere installata una pompa di calore geotermica con pozzi, che  sfrutta la temperatura costante del terreno garantendo d’estate il raffreddamento dell’acqua ed il condizionamento degli ambienti interni.

In una casa garantita da una certificazione dei consumi, l’energia elettrica viene prodotta da un impianto fotovoltaico mentre l’acqua calda sanitaria viene fornita da un sistema solare termico, integrato da un concentratore solare per scaldare l’acqua necessaria al funzionamento della vasca del bagno.

L' impianto fotovoltaico è montato sul tetto della villa

Al comfort interno, sia in inverno che in estate, contribuisce, infine, l’impianto di climatizzazione radiante a pavimento, che mantiene una temperatura ideale in casa grazie alla costante circolazione di acqua. Per evitare emissioni in atmosfera, la casa non è alimentata da gas ed anche il piano cottura della cucina è ad induzione.

Nello schema tutti gli strumenti tecnologici utilizzabili in casa

Consumi ridotti – I consumi in casa sono ridotti ulteriormente grazie all’applicazione di luci a LED, di un particolare ascensore dal consumo di soli 500 w e dagli elettrodomestici in classe AAA. Una cisterna di raccolta delle acque piovane contribuisce al suo recupero per l’irrigazione e il risciacquo delle toilette. I consumi sono tenuti costantemente sotto controllo, come l’accensione e lo spegnimento dei vari dispositivi, grazie a un sistema di automazione (domotica) controllabile via iPad.

fonte: www.studiodicosmo.it

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *