Input your search keywords and press Enter.

Un mare di plastica

Il 70-80% dei rifiuti dispersi in mare è costituito da plastica. Tra Francia, Spagna e Italia ne galleggiano circa 500 mila tonnellate. A stabilirlo è il Wwf, che parla di una situazione ancora peggiore per le nostre coste, dove i sacchetti di plastica rappresentano la quarta tipologia di rifiuti più frequenti, dopo bottiglie di plastica, sigarette e mozziconi. Un pericolo per i cetacei e le tartarughe marine, ma anche per l’intera catena alimentare perchè la plastica viene metabolizzata dalle varie specie marine, comprese quelle che mangiamo. Per far fronte a questo fenomeno, il Wwf ha lanciato la campagna SOS plastica con lo scopo di definire una mappa della situazione reale e dello stato dell’inquinamento da plastica in mare aperto e lungo le coste. In collaborazione con il gruppo multimediale Yacht&Sail, l’iniziativa si baserà sul coinvolgimento di tutti i diportisti affinchè segnalino la presenza di eventuali rifiuti di plastica sul sito http://mediterraneo.wwf.it. Definita la mappatura dell’inquinamento da plastiche sarà possibile segnalare le criticità alle autorità competenti.

Print Friendly, PDF & Email