Un drone per le emergenze nucleari

È stato sviluppato da ENEA. Controllato da remoto è in grado di selezione con precisione l’area contaminata

 

È dotato di uno strumento di misura denominato Geiger Muller il drone sviluppato da ENEA per la ricerca e la localizzazione delle sorgenti radioattive, utile in casi di emergenza radiologica e nucleare. L’apparecchio consentirà da remoto la misurazione delle radiazioni ionizzanti in aree specifiche, preservando l’uomo da eventuali contaminazioni radioattive. Grazie ad un algoritmo di ottimizzazione, inoltre il drone è in grado di individuare in maniera selettiva l’area contaminata, riducendo i tempi di ricerca e localizzazione delle sorgenti rispetto agli approcci tradizionali.

L’attività è condotta dall’ENEA nell’ambito del progetto INCLUDING (INnovative CLUster for raDIological and Nuclear emerGencies), finanziato dal programma Horizon 2020 della Commissione europea per la prevenzione e la risposta alle emergenze radiologiche e nucleari.

fonte: enea.it

Articoli correlati