Input your search keywords and press Enter.

Un bene prezioso al Salone Mediterraneo dell’Acqua

Una manifestazione unica nel suo genere, in grado di coinvolgere tutte le categorie professionali che operano nella filiera dell’acqua, offrendo formazione, informazione, tecnologie e servizi. Si può riassumere in queste parole la mission di SMA, Salone Mediterraneo dell’Acqua, inaugurato oggi alla Fiera del Levante di Bari e in programma fino al 20 maggio. Alla cerimonia erano presenti l’assessore alle Opere Pubbliche e Protezione Civile (con delega alla tutela delle acque) della Regione Puglia, Fabiano Amati, il presidente della Fiera, Gianfranco Viesti, e Sergio Ustignani, amministratore unico del CMF Srl e organizzatore della mostra.

«La rassegna vuole mettere l’accento sugli aspetti più critici e sensibili relativi al “ governo della domanda “ dell’acqua – ha spiegato Ustignani – partendo dalla riduzione degli sprechi e dalla gestione dell’offerta, senza trascurare argomenti di scottante attualità quali la salvaguardia dell’ambiente e la lotta all’inquinamento. Attualmente – ha proseguito l’organizzatore – il mercato dei prodotti e delle tecnologie per il trattamento delle acque è stato influenzato dalla legge Galli e dal D.lgs. n 152 dell’11 maggio 1999. Esse puntano a risolvere due problemi che riguardano direttamente l’acqua: l’aumento delle fonti (e la conseguente tendenza verso l’uso privato di sistemi di depurazione) e l’approvvigionamento. In questo panorama un contributo importante potrà essere dato dalle industrie e dalle società di engineering e di servizi italiane che operano ad alti livelli nel settore. Queste premesse hanno offerto lo spunto per creare il Salone Mediterraneo dell’Acqua – ha concluso Ustignani – ovvero la prima manifestazione trasversale che, inserendo il concetto di filiera dell’acqua, dalla fonte alla sua “trasformazione”, può garantire un nuovo concetto espositivo rispetto alle fiere preesistenti».

Gianfranco Viesti, presidente della Fiera del Levante

Che l‘acqua sia un bene prezioso è una consapevolezza che l’uomo possiede da sempre. Questa preziosa risorsa oggi è anche al centro di azioni di cooperazione internazionale di mutuo interesse da realizzare in favore dei Paesi della sponda sud del Mediterraneo. La Regione Puglia, con altri soggetti pubblici e privati anche esteri, è in prima linea per creare nuove possibilità di partnership che diventerebbero preziose occasioni di sviluppo del territorio. La prima edizione di SMA, dunque, costituirà una preziosa occasione per gettare le basi di una consapevolezza nuova sull’importanza della risorsa “acqua” e maturare non solo nell’opinione pubblica, ma anche e soprattutto negli amministratori, una maggiore consapevolezza dell’importanza del loro ruolo.

La visita tra gli stand, con apertura riservata ad un pubblico specializzato dalle 9,00 alle 18,00, sarà utile per scoprire le ultime novità tra i prodotti per la gestione completa del ciclo dell’acqua, gli impianti e le tecnologie per il trattamento e le depurazioni, i composti chimici, i servizi di gestione, progettazione e consulenza, i software, le stazioni di pompaggio, gli strumenti di misura e controllo e le macchine per la perforazione. Non mancheranno, poi, interessanti momenti di confronto. Ad iniziare dalla gestione delle acque reflue e meteoriche su cui discuteranno qualificati addetti ai lavori nella tavola rotonda in programma mercoledì alle 14 nel padiglione 20. Il tema richiama i settori relativi al corretto dimensionamento e alla gestione ottimale delle reti di drenaggio urbano e dei sistemi di approvvigionamento idropotabile, della messa in sicurezza idraulica dei corsi d’acqua naturali, del mantenimento di standard di qualità dei corpi idrici ricettori. Un’occasione propizia, dunque, per sviscerare alcuni argomenti di attualità legati al rapporto tra l’ambiente urbano nel suo complesso e le varie forme dell’acqua con cui interagisce. Oggi le soluzioni tecniche e tecnologiche a disposizione dell’ingegnere idraulico sono molteplici: alcune tradizionali e di consolidata esperienza, altre innovative e di più recente applicazione sul campo.

Giovedì, in due sessioni (una alle 9.15 e l’altra alle 14.15) nel padiglione 20 si farà, invece, il punto sulle innovazioni e sulle tecnologie per la riduzione delle perdite idriche. Perché l’acqua – per citare il titolo del convegno – resta una “risorsa da preservare”. Nello stesso padiglione alle 11 sarà presentato un impianto di ozonolisi da aria per la riduzione dei fanghi di depurazione mentre alle 12 si approfondiranno i sistemi di filtrazione avanzati nel trattamento terziario. Tutte le informazioni sono disponibili su www.smaexpo.it.

Inaugurazione del Salone Mediterraneo dell'Acqua

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *