Un avvocato per l’ambiente: Anna Grazia Maraschio nuovo assessore regionale

Anna Grazia Maraschio

Manca solo l’incarico al Welfare, che Emiliano intende destinare ai 5 Stelle (in particolare, a Rosa Barone). Per il resto, la giunta regionale è stata nominata. E alla guida dell’Assessorato all’Ambiente, Stea (passato al patrimonio) cede il posto ad Anna Grazia Maraschio

Cinquantanove anni, salentina, avvocato penalista che nel Leccese si è distinta in numerosi processi di rilievo, a cominciare da quelli legati a Tangentopoli negli anni Novanta. Con esperienza anche all’interno del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Lecce, di cui è stata vicepresidente. Politicamente, riconosciuta per il suo passato vendoliano, ora alla corte di Michele Emiliano.

Le deleghe a un “tecnico”

Ecco il profilo, in sintesi, di Anna Grazia Maraschio: a lei, il presidente della Regione Puglia, ha affidato il compito di guidare l’Assessorato all’Ambiente. Ma non è l’unica delega per l’avvocato, che gli uffici della Regione li conosce bene, visto il ruolo di Consigliera di parità già assunto in passato. Alla Maraschio, infatti, spetterà il compito di guidare un Dipartimento che si occuperà, al fianco dell’Ambiente, di Ciclo rifiuti e bonifiche, Vigilanza ambientale, Rischio industriale, Pianificazione territoriale, Assetto del territorio, Paesaggio, Urbanistica, Politiche abitative.

È stato lo stesso Emiliano, nella nota con cui ha annunciato i nuovi assessori, a motivare le scelte degli unici due ‘esterni’, ovvero non consiglieri eletti. «Anna Grazia Maraschio è un avvocato con pluriennale esperienza nel campo penale, in particolare dei reati contro la PA ed in materia ambientale», ha sottolineato il governatore regionale.

I temi da affrontare

E quello che aspetta l’avvocato salentino è un impegno che si preannuncia gravoso, perché numerose sono le pratiche che il suo predecessore – Gianni Stea, passato ora al Personale e Organizzazione, Contenzioso amministrativo – le ha lasciato sul tavolo. E se l’incubo Covid sta dettando l’agenda, non solo politica, a breve torneranno ‘di moda’ tematiche ambientali particolarmente importanti nel territorio. DI situazioni tutt’altro che semplici ne è piena la Regione, come dimostrano due piccoli esempi: l’onnipresente e irrisolta questione Ilva, con le dinamiche che riguardano la riqualificazione dell’ex acciaieria, e Costa Ripagnola  con il parco che dovrebbe sorgere nel tratto di costa (da tutelare) fra Polignano a Mare e Monopoli.

LEGGI ANCHE: Costa Ripagnola post legem: e ora?

La xylella

C’è poi un altro tema caldo, quello della xylella. Ed è un argomento che in passato ha turbato il neo assessore: in occasione delle elezioni del 2015, quando era candidata di “Noi a sinistra per la Puglia”, il suo comitato venne imbrattato da scritte con la vernice rossa con un evidente riferimento alla Xylella, condite da frasi intimidatorie e minacciose.

L’aspetto politico

La sede della Regione Puglia
La sede della Regione Puglia

«Non mi faccio intimidire», disse all’epoca la Maraschio, che sa bene come ora dovrà anche mediare e mantenere equilibri politici. «Insieme ad Anna Grazia vogliamo costruire percorsi eco-sociali, affinché tutta la comunità pugliese possa trarre beneficio e tutela dalle future politiche del governo regionale, assicurando allo stesso tempo un dialogo costante con i partiti e i numerosi movimenti civici presenti sul nostro territorio», sottolinea il coordinatore nazionale della segreteria del Psi, Luigi Iorio, che assieme al segretario del Psi, Enzo Maraio, ha sottolineato come «La nomina di Anna Grazia Maraschio ad Assessora all’Ambiente e Urbanistica della Regione Puglia e’ il giusto riconoscimento a ‘Puglia solidale e verde’, l’unica lista che ha riunito, alle scorse elezioni regionali, simboli di partito come il Psi, Sinistra italiana e i Verdi. In un momento di difficoltà dovuta all’emergenza sanitaria, quello di Anna Grazia, alla quale facciamo i nostri migliori auguri di buon lavoro, sarà un lavoro complesso ma appassionante. Darà voce – hanno proseguito Maraio e Iorio – ad un mondo di sinistra, riformista e ambientalista che in Puglia tornerà ad essere rappresentato con le battaglie storiche che da sempre portiamo avanti».

Un augurio di buon lavoro al neo assessore è arrivato anche dal sindaco di Lecce, Carlo Salvemini, che ha voluto “indicare la strada” da seguire, in un percorso in parte già segnato: «Anna Grazia Maraschio avrà l’impegnativo ma affascinante compito di guidare l’Ambiente e l’Urbanistica, sulla scia di una impostazione politica che ha visto la Puglia, con i governi progressisti degli ultimi anni, mettere al primo posto la tutela ambientale, la valorizzazione del paesaggio, la rigenerazione delle città».

Articoli correlati