UE inserisce la legionella tra i parametri dell’acqua potabile

Foto di Erich Westendarp da Pixabay

Secondo Lifeanalytics “La pandemia COVID-19 ha aumentato il rischio di proliferazione della legionella”. Fondamentale ora la prevenzione del Rischio Biologico

 

La diffusione di legionella potrebbe essere stata influenzata in Italia dalla pandemia da COVID-19. La prolungata situazione d’inutilizzo delle utenze e degli impianti idrici in realtà civili o industriali, infatti, potrebbero aver favorito la proliferazione di questo batterio.

È in questo contesto che entrano in vigore le novità stabilite nella nuova Direttiva europea 2020/2184. Tra i parametri per la valutazione della qualità delle acque potabili di tutte le strutture che la erogano al pubblico si aggiunge dunque la concentrazione della tipologia batterica Legionella.

Entro i prossimi due anni, inoltre, secondo la normativa tutti gli Stati membri dell’Unione Europea devono fornire spontaneamente a tutta la popolazione informazioni puntuali, corrette, comprensibili e facilmente reperibili sulla qualità e sui parametri microbiologici dell’acqua potabile.

La nuova Direttiva alza quindi i parametri per il contenimento del rischio biologico e si aggiunge alle Linee Guida nazionali e al rapporto n°21/2020 pubblicato dall’Istituto Superiore di Sanità per la prevenzione della contaminazione da Legionella negli impianti idrici di strutture turistico recettive e altri edifici ad uso civile o industriale, poco utilizzati durante la pandemia e all’interno dei quali si potrebbe verificare la proliferazione del batterio.

Al fine di supportare strutture ricettive e termali, ma anche palestre, fiere e centri commerciali che sono rimasti chiusi durante il periodo emergenziale, ma anche per continuare a dare sostegno alle strutture sanitarie, il Gruppo Lifeanalytics – azienda specializzata nelle analisi chimica, microbiologica e biologica – ha condotto oltre 20.500 analisi di monitoraggio della Legionella per valutare e gestire il Rischio Legionellosi all’interno di queste strutture.

La Legionellosi è una malattia infettiva che colpisce l’apparato respiratorio, causata dalla specie batterica Legionella pneumophila: questa specie predilige i bacini idrici naturali e artificiali e le temperature comprese tra i 25 e i 55 °C. Si trasmette all’uomo attraverso l’inalazione di aerosol contaminati e, per questo motivo, tutti i luoghi che implicano un’esposizione ad acqua nebulizzata sono da considerare a rischio. I contesti di vita e di lavoro interessati sono ospedali, cliniche, case di cura, alberghi, campeggi, condomini, strutture per attività sportive e termali, e in generale tutti i contesti in cui vi è una cattiva progettazione e manutenzione degli impianti di distribuzione dell’acqua.

Dalle ultime stime dell’Istituto Superiore di Sanità in Italia sono stati circa 18 mila i casi di legionellosi dal 2000 al 2019, in media circa 2 mila infetti l’anno con una mortalità del 10-15%.

Articoli correlati