Tutelare la biodiversità in Puglia

Siglato accordo di collaborazione tra Regione e Riserve e parchi naturali per monitorare la flora e la fauna

 

È stato approvato in Giunta regionale lo schema di Accordo di collaborazione tra la Regione Puglia, le Riserve naturali regionali orientate e i Parchi naturali regionali nell’ambito del programma di cooperazione europea Interreg Grecia-Italia, all’interno del progetto “Best”. I parchi e le riserve saranno dotati di strumenti e dispositivi per il monitoraggio della biodiversità e delle eventuali minacce.

“Gli ecosistemi della Puglia sono una risorsa fondamentale dal punto di vista ecologico, ambientale e turistico”. Ha detto Anna Grazia Maraschio, assessore all’Ambiente. “L’intento del mio Assessorato è volto al rafforzamento della tutela degli habitat e degli ecosistemi – prosegue l’assessore – ed è necessario avviare politiche di conservazione e gestione della biodiversità anche al di fuori degli habitat posti sotto particolare regime di protezione, in considerazione di una crescente attenzione delle comunità locali sul tema e dei programmi, in corso di attuazione, sulla conservazione dell’agrobiodiversità”.

“Le azioni del progetto mirano ad aggiornare ed approfondire il quadro delle conoscenze regionali sul tema – ha proseguito Maraschio – definire buone pratiche di gestione del territorio orientate al miglioramento della conservazione delle specie e promuovere una strategia di sviluppo del territorio compatibile con la tutela e valorizzazione delle stesse. Prevediamo azioni pilota che interesseranno prevalentemente territori ad elevato valore ambientale, con una funzione strategica all’interno della infrastruttura della rete ecologica regionale”.

Airone-cenerino-Conversano-8-aprile-2016
Un airone cinerino ripreso ai laghi di Conversano in una foto di Annie Brix del 2016

Hanno comunicato il proprio interesse, esprimendo la preferenza alla strumentazione, i seguenti parchi, che saranno quindi destinatari dei dispositivi: Parco naturale regionale “Costa Otranto S. Maria di Leuca e Bosco di Tricase”; Parco naturale regionale “Lama Balice”; Parco naturale regionale “Bosco e paludi di Rauccio”; Parco naturale regionale “Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo”; Parco “Bosco Incoronata”; Riserva naturale regionale orientata “dei Laghi di Conversano e Gravina di Monsignore”; Riserve naturali regionali orientate del “Litorale Tarantino Orientale”; Parco naturale regionale “Porto Selvaggio e Palude del Capitano”; Riserva naturale orientata regionale “Palude del Conte e Duna Costiera – Porto Cesareo”; Parco naturale regionale “Litorale di Ugento”; Riserva naturale regionale orientata “Palude La Vela”; Riserva naturale regionale orientata “Bosco delle Pianelle”; Parco naturale regionale “Fiume Ofanto”; Parco naturale regionale “Isola di S. Andrea e litorale di Punta Pizzo”; Parco naturale regionale “Saline di Punta della Contessa” la “Riserva naturale regionale orientata Boschi di Santa Teresa e dei Lucci” e la “Riserva naturale regionale Bosco di Cerano”; il Parco naturale regionale “Terra delle Gravine”.

Articoli correlati