Turismo sostenibile: nuove professioni richieste, green jobs

turismo-sostenibile

Il turismo sostenibile richiede figure professionali sempre più formate e profilate.

Turismo sostenibile: sempre più apprezzato da turisti che rispettano il territorio. Necessarie nuove figure che cominciano ad affacciarsi sul panorama delle nuove professioni.

La Puglia dei Green Jobs

Le nuove figure professionali formate e preparate, fra le quali la guida ambientale escursionistica, l’animatore ambientale ed il promoter eco-turistico, richiedono passione per il territorio, sono diverse. Ambient&Ambienti ha tracciato gli identikit dei nuovi “missionari” del turismo sostenibile facendo una panoramica con Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia.

Turismo sostenibile: la Puglia “terreno fertile” di green jobs e green economy

La Puglia ha avviato il percorso delle nuove figure professionali legate all’ambiente ed alla sua fruizione. Le green jobs, presentate da Legambiente Puglia con il progetto Go Green Apulia, Go!, sono solo un aspetto. L’elenco delle 125 green jobs più qualificate, che richiedono competenze specifiche e trasversali, prevede meccatronici, idrogeologi, ingegneri e architetti per l’ambiente, esperti di progettazione agricolo-forestale, progettisti dell’edilizia sostenibile e tecnici della qualità bio.

Leggi anche “Green jobs, l’offerta di lavoro è verde”

«Abbiamo raccontato – spiega Tarantini – la Puglia della green society, disponibile a muoversi, produrre e consumare in maniera più equa, sostenibile e giusta. La green economy è la strada per rilanciare l’economia della nostra regione e un turismo responsabile, come elemento di sviluppo sociale e territoriale. Per questo abbiamo proposto l’istituzione di un Osservatorio regionale permanente sulla green economy, che coinvolga la Regione Puglia, Confindustria, Unioncamere e le Università, necessario per continuare a monitorare, mettere in rete e promuovere le imprese green».

Turismo sostenibile, le guide ambientali escursionistiche sono i punti di riferimento per la scoperta della natura.

Un paesaggio del Parco nazionale dell’Alta Murgia.

Il percorso continua con le professioni legate al turismo sostenibile. Prima di tutto ci sono le guide ambientali escursionistiche, veri e propri punti di riferimento per la scoperta della natura e delle sue bellezze, angoli nascosti e aspetti naturalistici e storico-culturali di un territorio. Si tratta di figure professionali, riconosciute dalla legge 4/2013, che organizzano percorsi con diversi livelli di difficoltà. Le guide progettano, provano e riprovano i percorsi dove conducono i visitatori, dei quali ne hanno la responsabilità. C’è persino l’AIGAE, unica associazione nazionale di categoria. E’ ovvio che occorre una grande preparazione e formazione, a cui si deve aggiungere passione per la natura. Le guide ambientali escursionistiche devono possedere conoscenze in ambito biologico, ambientale, geologico e agrario. Per questo dovrebbero frequentare un corso di lezione teorica, a cui si aggiungono l’attività pratica ed un esame finale. Un aspetto da non trascurare è la promozione dei percorsi attraverso social media.

Turismo sostenibile, gli animatori ambientali organizzano le attività.

Le figure emergenti nel turismo sostenibile sono gli animatori ambientali che organizzano il tempo libero e le attività escursionistiche durante i campi vacanza. Quest’offerta si rivolge generalmente ai bambini e ragazzi tra 7 e 25 anni. Gli animatori devono conoscere il territorio ed avere anche capacità educative e di gestione dei gruppi per progettare e condurre attività didattiche, educazione e formazione in ambito ambientale, svolte solitamente in collaborazione con Enti Parco, riserve naturali, eco-musei.

Turismo sostenibile, gli imprenditori agrituristici sono al servizio dell’ospitalità.

Quando si fa un percorso si può sentire anche l’esigenza di prolungare l’esperienza con un soggiorno. E’ necessario, quindi, sostare in un’azienda che possa dare ospitalità. Le aziende, gestite da imprenditori agrituristici, offrono un rapporto cordiale ma soprattutto un ambiente naturale capace di far gustare le tradizioni culinarie e storiche. La gestione dell’agriturismo può essere diversificato con eventi culturali, attività didattiche e ricreative. Anche quest’offerta richiede preparazione. Gli imprenditori agrituristici dovrebbero possedere un diploma di perito agrario o turistico, conoscere un business plan e sapere come gestire un’attività.

I travel designer costruiscono l’esperienza di vacanza

Un’esperienza di turismo sostenibile può essere anche di diverso tipo. In questo caso intervengono i travel designer che partono da un’idea di viaggio esperienziale per costruire una tipologia di offerta unica. Si tratta di figure che s’inseriscono tra il programmatore turistico e l’agente di viaggi e curano ogni singolo aspetto comprese la fase della promozione e distribuzione del pacchetto. Anche i travel designer devono essere figure formate attraverso un corso di specializzazione da frequentare a Roma o Milano.

Product manager e promoter eco-turistico sono gli specialisti della promozione del territorio

Un’offerta turistica ovviamente ha bisogno di promozione. I product manager del turismo sostenibile si occupano di organizzare e gestire le diverse attività commerciali e marketing legate alla distribuzione di un prodotto. Si possono creare itinerari ad alto impatto sociale e ambientale con particolare attenzione alla produzione agricola biologica, gestione delle risorse, conversione delle strutture di ospitalità e ricaduta sociale sui propri territori. Si tratta di figure da non trascurare, per la cui formazione stanno aumentando i corsi di formazione specifica basati sui modelli di fruizione del territorio, mobilità sostenibile, analisi e studio del territorio, capacità di fare marketing e promozione. In ultimo ci sono anche i promoter eco-turistico che sviluppano le doti imprenditoriali, qualificano l’offerta turistica e si occupano della diffusione sul territorio. Si tratta di figure che dovrebbero essere ben formate preferibilmente con una laurea in Economia, Scienze Ambientali o del Turismo o vari corsi specifici.

Articoli correlati