Home Eco weekend turismo in bici tra villaggi fantasma medioevali

turismo in bici tra villaggi fantasma medioevali

1786
0
SHARE

Convinti di affrontare un tempo più clemente di quello dei fine settimana trascorsi, curiosiamo ancora una volta sul web, alla ricerca di proposte che ci avvicinino al nostro territorio e alle sue bellezze.

matera_cicloturismo
Da Putignano a Matera attraverso il Parco delle Gravine, a cavallo di una bici: è la proposta di Puglia Cycle Tours

Curiosa e articolata la proposta di due giorni a cavallo, però di una bici, nel sano solco del turismo in bici. Si parte da Putignano per arrivare a Matera, attraversando il Parco delle Gravine e passando per Palagianello, Castellaneta, Laterza, Ginosa. E’ la proposta di Puglia Cycle Tours. L’accoglienza più che insolita, nella cittadina nota per il Carnevale, è affidata al “Borgo in Bici”, unica esperienza in Italia di consorzio fra operatori cicloturistici, una ciclofficina e strutture ricettive in dimore storiche, tutti entro le mura del borgo medioevale. Una pedalata dopo l’altra si giunge a visitare la chiesa rupestre di San Michele in Monte Laureto, da poco inserita come santuario micaelico all’interno della via Francigena del Sud. A Castellaneta si avrà modo di attraversare, su un maestoso ponte in pietra, la profonda gravina che separa i  centri di Palagianello e Castellaneta. Qual è la curiosità? La strada in questione, ponte compreso, in realtà è il primo esempio pugliese di ferrovia dismessa che diventa pista ciclabile. Informazioni su questa esperienza di cicloturismo su questo sito  .

Non meno interessante è l’itinerario per ammirare le Madonne affrescate nelle chiese rupestri di Mottola, proprio nel mese alla Madonna dedicato. Sabato pomeriggio, 7 maggio, si visiteranno quattro chiese-santuario, di cui tre rupestri: la piccola chiesa sub-divo della Madonna di Costantinopoli e le chiese rupestri della Madonna del Carmine o Madonna  Abbàsc, della Madonna delle Sette Lampade e di Santa Margherita o Marina. Per finire, la visita al villaggio fantasma di Petruscio. L’imponente Gravina di Petruscio (nella foto), tra le più grandiose dell’intero arco Ionico, offre uno spettacolo unico; un centinaio di case-grotte scavate nella roccia friabile dei due spalti. Stradine e scalinate, ora parzialmente crollate, collegavano le case poste su diversi livelli, a formare una sorta di “palazzi” o “condomini” rupestri con piazzette, magazzini, cimiteri e giardini-ortali. Una vera e propria città fantasma.Organizza il tutto l’associazione Passaturi. Per info clicca qui

Sabato pomeriggio, 7 maggio, Passaturi.it propone un itinerario dedicato alle Madonne affrescate nelle chiese rupestri di Mottola
Sabato pomeriggio, 7 maggio, Passaturi.it propone un itinerario dedicato alle Madonne affrescate nelle chiese rupestri di Mottola

E domenica 8 maggio ci spostiamo nelle campagne di Monopoli, per visitare il Casale rupestre dei Santi. Andrea e Procopio e alle masserie fortificate Garrappa e Conchia, proposte dall’associazione Passaturi.  Il territorio a sud-est di Bari è caratterizzato dalla esistenza di numerose lame dove, nel Medioevo, si è sviluppato lo stanziamento di insediamenti umani che realizzarono luoghi di culto e sepolture oltre ad ambienti di servizio, come i frantoi, mulini e cisterne. Le chiese-grotte  furono affrescate con immagini di Santi orientali e occidentali, e ben presto diventarono anche stazioni minori lungo la via Francigena,  percorsa annualmente da migliaia di pellegrini diretti verso la Terra Santa. La seconda parte dell’itinerario è dedicata alle masserie del litorale adriatico, rimanendo sempre nella campagna di Monopoli. La Masseria Garrappa è un esempio di antica torre-masseria, la Masseria Conghia (o Conchia) si raggiunge percorrendo un viale che serpeggia in mezzo a maestosi ulivi secolari. Si consiglia abbigliamento a cipolla con scarpe comode.

Informazioni cliccando qui.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

LEAVE A REPLY