Turismo, a Bari ”Basilicata free to move”

Tre giorni di concerti, spettacoli teatrali e laboratori per scoprire le bellezze della Basilicata

 

Dal 29 aprile al primo maggio in piazza del Ferrarese si terranno concerti, spettacoli teatrali e laboratori dedicati alla scoperta della Basilicata e del suo straordinario patrimonio ambientale e culturale. “Basilicata free to move” è l’evento organizzato a Bari dall’APT –  Agenzia di Promozione Territoriale della Basilicata per promuovere la conoscenza di cinque parchi lucani: Pollino, Appennino Lucano-Val D’Agri-Lagonegrese, Vulture, Murgia materana e Gallipoli Cognato e Piccole Dolomiti lucane.

L’iniziativa, sostenuta dal programma Ambiente Basilicata della Regione con la collaborazione del Comune di Bari, è stata presentata dal sindaco di Bari Antonio Decaro, dall’assessore all’Ambiente della Regione Basilicata Cosimo Latronico, dal direttore generale dell’APT della Basilicata Antonio Nicoletti e dall’assessora comunale alle Culture Ines Pierucci.

«Abbiamo scelto Bari per consolidare e celebrare il rapporto tra la Basilicata turistica e i nostri cugini pugliesi – ha sottolineato Antonio Nicoletti – La Puglia è il primo bacino di utenza turistica non solo per i numeri relativi all’escursionismo, ma anche per gli arrivi e le presenze. Anche nel 2021, come in pre-pandemia, il turismo pugliese ha rappresentato la nostra prima porzione di mercato, con percentuali che in quasi tutte le aree regionali superano il 20%, e arrivano a quasi il 50% di mercato nel parco del Pollino. Come tipologia di viaggiatori, i pugliesi sono per noi particolarmente preziosi, dal momento che contribuiscono in modo sostanziale alla destagionalizzazione e apprezzano da sempre anche l’offerta dei nostri borghi e delle aree interne.

La collaborazione fra Puglia e Basilicata è concreta anche in progetti strategici rivolti ai mercati internazionali. A giugno, infatti, insieme a ENIT e Puglia Promozione, ospiteremo il World Travel Awards del Times, che toccherà Matera e altri centri della Basilicata, oltre ad alcune località pugliesi. Nel solco di questa preziosa collaborazione e nell’ambito del Programma Ambiente Basilicata, presenteremo nel prossimo fine settimana l’offerta del nostro patrimonio ambientale con i 5 parchi lucani e i loro principali elementi attrattivi: paesaggio, natura incontaminata, cicloturismo, attività adrenaliniche come il Volo dell’Angelo o il recentissimo “ponte tra due parchi”, il ponte tibetano più lungo del mondo, a Castelsaraceno».

«Questa iniziativa si inserisce in una strategia politico-culturale che vede sempre di più investire in quella che è la vocazione turistica della città a meta culturale – ha continuato Ines Pierucci – Anche la nostra amministrazione ha compiuto questa scelta, accogliamo quindi volentieri questo weekend di primavera ricco di iniziative e, se mi è permesso di  citare Rocco Scotellaro, poeta e intellettuale lucano, penso a “quante ispirazioni e lenti per l’avvenire si possono creare” con sinergie interistituzionali così importanti. Auspichiamo che tutto questo si inserisca in quello che è il nostro investimento complessivo nel turismo sostenibile, con le vie francigene e il turismo dei cammini e dei pellegrinaggi che si uniscono al turismo religioso del culto nicolaiano».

Articoli correlati